Articoli e video vari

Mons. Hoser: Il segreto di Medjugorje è una realtà invisibile, ma intensa e molto attuale

L’arcivescovo Henryk Hoser, Visitatore Apostolico con un ruolo speciale per la Parrocchia di Medjugorje, ha presieduto alla Messa prefestiva nella terza serata del Festival della Gioventù a Medjugorje, Messa concelebrata da 689 sacerdoti.

Lo streaming live del Centro Informazioni Mir Medjugorje è stato guardato con un record di 2.258.400 indirizzi IP univoci, riferisce la stazione Radio Mir Medjugorje.

Dopo la Santa Messa, decine di migliaia di giovani hanno partecipato ad una processione con la statua della Madonna e il culto di Gesù nel Santissimo Sacramento dell’Altare, e il parroco di Medjugorje ha letto il saluto rivolto ai giovani dall’arcivescovo di Vienna, il cardinale Christoph Schönborn. 

All’inizio del suo sermone, l’arcivescovo Henryk Hoser ha affermato che “un altro giorno del Festival della Gioventù conferma ciò che è Medjugorje”.

È un luogo di incontro e conoscenza. Non solo un posto per incontrare altri partecipanti, che giungono da molti paesi del mondo, ma anche per imparare a conoscere questo luogo insolito. Apparentemente niente di speciale, una semplice parrocchia croata, rurale, circondata da vigneti e verdi colline. Ma Medjugorje è anche un qualcosa da conoscere e da incontrare. Medjugorje è un luogo e un tempo, che mostra più della nostra esperienza quotidiana in cui viviamo, lavoriamo e riposiamo. Allo stesso modo vive la gioventù nata qui, che impara da questo luogo  e lo conosce. Li vedi vestiti con speciali magliette da volontario. 

“Tutti abbiamo esperienza di ciò che è il segreto di Medjugorje”, ha affermato l’arcivescovo Hoser. “Il segreto di Medjugorje è una realtà invisibile, ma è intensa e molto attuale.” Questo è il mondo dello spirito, il mondo dell’incontro dell’uomo con Dio. Questo incontro si svolge nel profondo di ognuno di noi. Tutto ciò avviene nel cuore dell’uomo. Questo povero cuore umano che “salta di gioia ed è spezzato dal dolore”.
Questo povero cuore umano è malato e complicato, come dice il profeta Geremia: “Niente è più infido del cuore e difficilmente guarisce! Chi lo può conoscere?”(Ger 17: 9), ha detto mons. Hoser che poi ha spiegato come “il cuore umano, specialmente nei giovani, è ugualmente sensibile sia al bene che al male. Soprattutto quando si tratta di ingiustizia “.

Poi ha continuato dicendo che “tutte le persone, in particolare i giovani, sono insolitamente sensibili alla mancanza di giustizia e soffrono molto per il danno che è stato loro fatto”. Questo è ingiusto! Questo è inaccettabile! Questo è doloroso! Questo è dannoso! I giovani lo proclamano in diverse direzioni. I destinatari del loro grido includono spesso i propri genitori ed educatori! Un giovane combatte per la sua libertà, questa è una caratteristica dell’età giovanile. Tuttavia, i giovani non conoscono sempre i limiti della libertà personale e tali limiti esistono e devono esistere.

Uno di questi confini è la libertà di un’altra persona, la libertà sociale, la libertà di religione, la libertà dei genitori nel crescere i propri figli. E tale libertà dovrebbe essere rispettata. Proprio come ci sono restrizioni stradali che proteggono la sicurezza di tutti i soggetti coinvolti: “segni di obbligo e divieto”, ha affermato l’arcivescovo Hoser, illustrando “i confini più importanti, nello spirito di giustizia e amore “ che Dio ci ha dato.

Ci ha dato dieci “Parole di vita”, dieci comandamenti. Ci insegnano ciò che è buono per noi, ciò che è cattivo, ed è per questo che prendono la forma di obblighi e divieti: facendo ciò che è buono, non facendo ciò che è male. L’arcivescovo Henryk Hoser è stato chiaro. Ha sottolineato che in pratica siamo “circondati dalle catene del peccato” e che “a volte noi stessi stiamo contribuendo al loro aumento”, e che Dio scioglie quelle catene e ci libera. Combattere il bene con il male si realizza nel nostro cuore. Dio conosce perfettamente il cuore umano.

“Infatti l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore”  (1 Sam. 16: 7). Gesù legge nei nostri cuori e conosce i nostri punti deboli, ma soprattutto conosce le nostre capacità per fare del bene. E vuole aiutarci, vuole sostenerci e vuole stare con noi e persino dimorare con tutta la Santissima Trinità in questo cuore umano! Pertanto, siamo guidati dalla Madre di Dio e da nostra Madre: da Czestochowa, da Vilnius, da Lourdes, da Fatima, da Kibeh e da Medjugorje, dalla Regina della Pace. “Lasciamoci condurre da Lei !”, sono le parole che il Visitatore Apostolico della Parrocchia di Medjugorje, Arcivescovo Henryk Hoser, che così ha concluso la sua omelia.

Per la gioia di molti dei suoi connazionali che erano a Medjugorje, l’omelia è stata proclamata in polacco. 

Domenica, si terrà la Santa Messa nella chiesa di San Giacomo a Medjugorje alle 11 in punto per celebrare il vescovo di Sisak, mons. Vlado Kosic e la Messa serale sarà presieduta dall’arcivescovo cardinale Vinko Puljić della Bosnia-Erzegovina.

Fonte: Capljinski Portal (traduzione con Traduttore Google)

(Visitata 15 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *