Angolo teologico

Angolo teologico (17)

Messaggi del 25 aprile e 2 maggio 2016 e 2 maggio a Ivan

Messaggio a Marija del 25 aprile 2016
“Cari figli! Il Mio Cuore Immacolato sanguina guardandovi nel peccato e nelle abitudini peccaminose. Vi invito: ritornate a Dio ed alla preghiera affinché siate felici sulla terra. Dio vi invita tramite me perché i vostri cuori siano speranza e gioia per tutti coloro che sono lontani. Il mio invito sia per voi balsamo per l’anima e il cuore perché glorifichiate Dio Creatore che vi ama e vi invita all’eternità. Figlioli, la vita è breve, approfittate di questo tempo per fare il bene. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio a Mirjana del 2 maggio 2016
“Cari figli, il mio Cuore materno desidera la vostra sincera conversione e che abbiate una fede salda, affinché possiate diffondere amore e pace a tutti coloro che vi circondano. Ma, figli miei, non dimenticate: ognuno di voi dinanzi al Padre Celeste è un mondo unico! Perciò permettete che l’azione incessante dello Spirito Santo abbia effetto su di voi. Siate miei figli spiritualmente puri. Nella spiritualità è la bellezza: tutto ciò che è spirituale è vivo e molto bello. Non dimenticate che nell’Eucaristia, che è il cuore della fede, mio Figlio è sempre con voi. Egli viene a voi e con voi spezza il pane perché, figli miei, per voi è morto, è risorto e viene nuovamente. Queste mie parole vi sono note perché esse sono la verità, e la verità non cambia: solo che molti miei figli l’hanno dimenticata. Figli miei, le mie parole non sono né vecchie né nuove, sono eterne. Perciò invito voi, miei figli, a osservare bene i segni dei tempi, a “raccogliere le croci frantumate” e ad essere apostoli della Rivelazione. Vi ringrazio”.

Apparizione straordinaria a Ivan del 2 maggio 2016 sul Podbrdo, ore 22:00
“Cari figli, non lasciate che lo scintillio di questo mondo vi seduca: il materialismo, l’invidia, la superbia. Non lasciate che la luce del mondo vi seduca. Apritevi alla luce dell’Amore Divino, all’Amore di mio Figlio. Decidetevi per Lui: Egli è l’Amore, Egli è la Verità. Riportate la preghiera nelle vostre famiglie. Pregate di più! Le vostre preghiere mi sono necessarie, affinché possa realizzare con voi i miei piani. Grazie, cari figli, per esservi decisi anche oggi per Gesù”.

COLLEGAMENTO DEI TRE MESSAGGI IN SINOSSI

Il commento ai tre messaggi, visti in collegamento uno con l’altro, si concentra su tre elementi che notificano la originalità, la novità di ciascuno e dove si vede come la Vergine sottolinei aspetti diversi ma pur sempre in connessione, in modo da presentare una continuità tra di loro che li rende espressione di una unica persona che li ispira e li suggerisce. In fondo il pensiero è il medesimo pur nella varietà della terminologia.

1. Nel messaggio del 25/04 appare immediatamente una parola che impressiona e insieme stupisce: “il mio Cuore immacolato sanguina guardandovi nel peccato e nelle abitudini peccaminose”. Il verbo “sanguina” non si può intendere in senso fisico, in quanto ora la Vergine risiede stabilmente nella gloria celeste, in pienezza di beatitudine accanto a suo Figlio, allo Spirito Santo e al Padre. Il suo corpo glorioso non può più soffrire o patire, tanto meno sanguinare. Allora il termine “sanguina” va inteso nel valore spirituale quale modalità per mostrare la sua inquietudine e preoccupazione verso i suoi figli che non vivono la vita cristiana in maniera piena ma ancora sono soggetti ad azioni e stati di peccaminosità e di cattiveria, che li fanno schiavi dell’egoismo e del materialismo come incatenati e imprigionati nella terrenità malsana e mortifera. In tal modo vanno intesi i fenomeni, di cui si sente parlare circa alcune parti sanguinolenti di statue o icone della Vergine SS.ma. Sono segni visibili che rivelano l’animo turbato e dispiaciuto della Vergine Madre sempre protesa alla salvezza dei suoi figli e alla loro conversione alla fede ardente per il proprio Figlio Gesù. Ciò comporta da parte nostra l’impegno di prendere seriamente le parole materne di Maria al fine di non recare noi stessi simili dispiaceri al suo Cuore immacolato e insieme renderci zelanti nel condurre i peccatori e i lontani all’incontro con Cristo salvatore, unica fonte di vita e di felicità. Sono bellissime le ultime sue raccomandazioni: “il mio invito sia per voi balsamo per l’anima e cuore perché glorifichiate Dio Creatore che vi ama e vi invita all’eternità”. Sono parole di estremo valore che raccolgono tre elementi precisi per le nostre povere e misere persone: anzitutto esse offrono un balsamo, cioè non solo un conforto ma un sostegno sicuro per rafforzare la fede e la serenità dell’animo, di cui abbiamo vitale bisogno; in secondo luogo invitano a glorificare il nostro vero Dio Creatore, perché questo è il fine per cui ci ha creati e per cui dobbiamo vivere e lottare senza cercare altre glorie effimere; infine proprio dal Signore scaturisce come da unica fonte la vita vera ed eterna, l’amore infinito e assoluto che viene riversato abbondantemente su ciascuno di noi.. Sono queste tre tesori che dovremmo custodire gelosamente nel nostro cuore e non lasciarli cadere nel vuoto a discapito della nostra eterna salvezza nel regno dei cieli.

2. Nel messaggio a Mirjana del 02/05 la novità più rilevante sta nella frase: “figli miei, le mie parole non sono né vecchie né nuove, sono eterne”. Sono espressioni di un profondo significato, nel senso che ci fanno capire che quanto Ella dice non proviene da idee astratte o vaghe, né da pensieri umani e terreni, né è frutto di una sua opinione personale, ma è la manifestazione fedele e semplice della Verità unica, assoluta e imperitura, che è Cristo stesso in persona; Lui e Lui solo è personalmente e fattivamente la Via, la Verità e la Vita. Non esiste altra verità che abbia un uguale valore infinito e vitale come quella di Cristo. Pertanto la Vergine fa intendere che le sue parole non sono altro che una eco pura e una applicazione concreta dell’unica eterna Parola di verità, rivelatasi in Gesù. Ciò è di fondamentale importanza, affinché noi non confondiamo le cose, sia nel senso che le parole di Maria ci sembrino più valide e centrali rispetto a quelle del Figlio suo, sia nel senso che vadano considerate di valore inferiore o dispregiativo come fossero dettate da Lei stessa senza alcun riferimento a quelle del Figlio suo. Sono invece parole che corrispondono esattamente a quanto Gesù ha predicato e rivelato, sebbene siano usati termini semplici e inerenti alla vita concreta dei cristiani. Esse così servono a far comprendere meglio e più incisivamente il Vangelo stesso per esserne illuminati e irrorati. Perciò vanno accolte, meditate e soprattutto vissute, in quanto sgorganti dal Cuore materno di Maria in perfetta sintonia con quelle di Cristo, il Verbo della Vita che si è fatto uomo nel suo grembo verginale. Nessuna creatura umana più e meglio di Lei saprebbe tradurre e trasmettere le parole della Verità che il Figlio suo le ha impresse intimamente nel suo animo e di cui Ella è stata la persona che le ha sapute accogliere nell’intensità e totalità del proprio essere. Tra Maria e la Parola di Gesù sussiste una perfetta assimilazione in modo che ciò che dice la Madre non può essere in alcuna maniera differente o distaccato dall’evangelo portato da Gesù. Questo comporta che dobbiamo accoglierle con tutta la nostra adesione e disponibilità, nella consapevolezza che le esortazioni materne di Maria conducono sempre e necessariamente all’ascolto e alla sequela della divina “Rivelazione” attuata da Gesù. Per questa ragione esse hanno un valore indistruttibile che non può mai venir meno. Da qui si può capire come la Vergine possa dire che le sue parole sono “eterne” in quanto strettamente congiunte a quelle del Figlio di Dio fattosi Figlio suo. Ne segue un meraviglioso collegamento: Maria trasmette le parole di Cristo, il quale a sua volta le ha prese dal Padre suo e sono costantemente irrorate dallo Spirito Santo. Ella dunque ci conduce per mano affinché siamo inseriti nel mistero d’amore che unisce il Padre al Figlio nello Spirito Santo, per essere avvolti da un infinito abbraccio di misericordia, come è detto: “ognuno di voi dinanzi al Padre Celeste è un mondo unico! Perciò permettete che l’azione incessante dello Spirito Santo abbia effetto su di voi”. Che cosa possiamo pensare e sperare di più bello e beatificante? Occorre solo la nostra apertura di cuore per essere introdotti in così grande mistero di vita, amore e felicità: “Siate miei figli spiritualmente puri. Nella spiritualità è la bellezza: tutto ciò che è spirituale è vivo e molto bello”.

3. Nel messaggio a Ivan del 02/05 appare di particolare rilievo una frase che ritengo sia sempre attuale e fondamentale: “non lasciate che lo scintillio di questo mondo vi seduca”. Cosa significa “lo scintillio”? Il termine esprime bene una duplice realtà: “da una parte sottolinea che alcune cose della terra sono affascinanti e seducenti perché brillano di luccichio come fossero molto preziose; dall’altra parte lo scintillio produce una luce inconsistente e intermittente, per cui non costituisce una illuminazione che abbraccia l’esistenza dell’uomo, ma solo alcuni lampeggiamenti che lì per lì incantano quasi abbagliando, ma poi lasciano sopraggiungere la tenebra e il vuoto disorientante. Questo è l’inganno che scaturisce dalle false luci che si diffondono nel mondo e che purtroppo attirano a sé molte farfalline vaganti che si aggirano attorno e si lasciano attrarre ma poi vengono bruciate come cenere sparsa. Fuori parabola si può affermare che questo scintillio è la truffa in cui cadono alcuni atteggiamenti umani basati unicamente nel “materialismo, l’invidia, la superbia”. Di fatto spesso le creature umane si lasciano avvincere fino ad essere accecate, pensando stoltamente che quel luccichio sia la luce vera, che appaga l’occhio e seduce il cuore, mentre sono lumi fatui e passeggeri, che non possono soddisfare le profonde aspirazioni dell’animo. Per cui succede il paradosso che andiamo a cercare scintillii sempre più rilucenti nella illusione di trovare la soddisfazione ricercata ansiosamente, ma invano; anzi la mente e il cuore restano maggiormente sconvolti e delusi nell’amarezza interiore e anche nella disperazione. Ciò vale non solo per le grandi utopie umane, ma anzitutto per la nostra vita quotidiana dove mettiamo al primo posto non la luce della Verità che porta la vita, ma le piccole luci a cui attacchiamo i nostri interessi e ci affanniamo per poterli raggiungere, come la carriera, la ricchezza, il benessere sfrenato, l’applauso degli altri, la corruzione, l’egoismo, il successo. Poveri noi, esseri ingannati e sedotti da questi bagliori effimeri, senza renderci conto che perdiamo non solo la gioia dell’esistenza pura e giusta su questa terra, ma soprattutto rischiamo di essere travolti dalla stoltezza di perdere la beatitudine eterna. La Madonna è qui propriamente per risvegliarci da questi miraggi terreni e menzogneri, indirizzandoci insistentemente verso la Luce intramontabile e portatrice di vita eterna, che è Cristo vero Dio e nostro Redentore e Salvatore: “non lasciate che la luce del mondo vi seduca. Apritevi alla luce dell’Amore Divino, all’Amore di mio Figlio. Decidetevi per Lui: Egli è l’Amore, Egli è la Verità”.

Ti siamo grati, Vergine Madre, che ci offri ogni volta l’occasione propizia di non perderci dietro a fatue illusioni, ma di orientare il nostro sguardo, la nostra mente, i nostri sentimenti e desideri, tutti noi stessi e la nostra vita alla persona di Gesù che ci salva e ci fa vivere già su questa terra un’esistenza serena e fiduciosa per poi condurci alla beatitudine eterna del Cielo. Riconosciamo di essere figli piuttosto caparbi e testardi, illudendoci di poter costruire un mondo migliore con le sole nostre forze e cercando soltanto i beni materiali, mentre tu ci fai capire che tutto ciò è impossibile se non ci aggrappiamo a Gesù tuo Figlio che unicamente ci pilota alla vera pace e alla nostra perfezione completa. A Lui siano onore e gloria nei secoli assieme al Padre e allo Spirito Santo. Amen 

don Renzo Lavatori

Don RENZO LAVATORI, laureato in teologia e filosofia, membro della Pontificia Accademia di Teologia, docente di Teologia Dogmatica presso la Pontificia Università Urbaniana e altre Università ecclesiastiche di Roma. Conosciuto per numerose pubblicazioni sui temi fondamentali della fede e per le sue trasmissioni mensili a Radio Maria. Tra le sue opere in particolare: Gli angeli. Storia e pensiero, Marietti, Genova 1991; Milano 2000.2003; Satana un caso serio. Saggio di demonologia cristiana, EDB, Bologna 1996; Gli Angeli, Newton-Compton, Roma 1996; Il diavolo tra fede e ragione, EDB, Bologna 2001; Antologia diabolica, UTET, Torino, 2008.


Scarica PDF

(Visitata 4 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *