I Messaggi di Medjugorje

Desidero raccogliere in questa pagina i messaggi dati ai veggenti dalla Madonna a Medjugorje, un piccolo paesino della Bosnia Herzegovina.

Tutto cominciò il 24 giugno 1981:

Il 24.6.1981 verso le ore 18, sei giovani della parrocchia di Medjugorje, Ivanka Ivankovic, Mirjana Dragicevic, Vicka Ivankovic, Ivan Dragicevic, Ivan Ivankovic e Milka Pavlovic, hanno visto sulla collina Crnica, nel luogo chiamato Podbrdo, un’apparizione, una figura bianca con un bambino nelle braccia. Sorpresi e spaventati, non si sono avvicinati ad essa.
Il giorno dopo alla stessa ora, il 25.6.1981, quattro di loro, Ivanka Ivankovic, Mirjana Dragicevic, Vicka Ivankovic ed Ivan Dragicevic, si sono sentiti fortemente attirati verso il posto dove, il giorno precedente, hanno visto quella che hanno riconosciuto come la Madonna. Marija Pavlovic e Jakov Colo li hanno raggiunti. Il gruppo dei veggenti di Medjugorje fu così formato. Hanno pregato con la Madonna ed hanno parlato con essa. Da questo giorno, avevano le apparizioni quotidiane, insieme o separatamente. Milka Pavlovic ed Ivan Ivankovic non hanno mai più visto la Vergine.

(da sito della Parrocchia a Medjugorje)

Dai messaggi della Vergine quindi si evince chiaramente che la pace è il bene più prezioso e che la fede, la conversione, la preghiera e il digiuno sono le uniche condizioni per poterla ottenere. 

Oltre ai cinque messaggi che sin all’inizio la Madonna ha dato a tutto il mondo, Essa ha iniziato, dal 1° marzo 1984, ogni giovedì, di massima tramite Marija Pavlović, a dare messaggi particolari per la parrocchia di Medjugorje e per i pellegrini che si recano a Medjugorje.

La Madonna infatti ha scelto non solo i veggenti, ma anche tutta la parrocchia e i pellegrini quali Suoi testimoni e collaboratori.

Tutto questo è evidente nel Suo primo messaggio, in cui dice: „Io ho appositamente scelto questa parrocchia ed intendo guidarla”.
Ha confermato questo ancora una volta dicendo: „Ho scelto in modo particolare questa parrocchia che mi è più cara delle altre dove ho dimorato con piacere quando l’Altissimo mi ha mandata” (21 marzo 1985).
La Madonna ha fornito anche una motivazione per questa scelta: „Tornate alla parrocchia, questo è il mio desiderio. Così che possano farlo anche tutti coloro che vengono qui” (8 marzo 1984).
„Vi prego, tutti voi che appartenente a questa parrocchia, vivete i miei messaggi” (16 agosto 1984).

E’ necessario che prima di tutto i parrocchiani e i pellegrini diventino testimoni delle Sue apparizioni e dei Suoi messaggi così che poi, insieme ai veggenti, si uniscano a Lei nella realizzazione dei Suoi piani di conversione del mondo e della sua riconciliazione con Dio. 
La Vergine conosce bene la natura e la debolezza dei parrocchiani e dei pellegrini con i quali intende collaborare per la redenzione del mondo, ed è cosciente che tutto questo richieda una forza soprannaturale. E’ quindi per questo motivo che Essa li indirizza e li conduce alla sorgente di questa forza.

La prima sorgente è la preghiera.

In quasi tutti i suoi moniti, Essa la raccomanda vivamente. Tra le preghiere mette particolarmente in evidenza la Santa Messa (7 marzo 1985, 16 maggio 1985), un’ininterrotta devozione al Santissimo Sacramento dell’Altare (15 marzo 1984), allo Spirito Santo (2 giugno 1984, 9 giugno 1984, 11 aprile 1985, 9 maggio 1985, 16 maggio 1985, 23 maggio 1985…) e la lettura della Sacra Scrittura (8 ottobre 1984, 14 febbraio 1985). 
Con questi messaggi speciali rivolti alla parrocchia di Medjugorje e ai pellegrini la Madonna desidera approfondire e rendere comprensibili e accettabili a tutti i primi messaggi che ha inviato al mondo. 

Dal 25 gennaio 1987 la Vergine dà i Suoi messaggi il 25 di ogni mese tramite la veggente Marija Pavlović e il dal 2 agosto 1987 la Vergine dà altri messaggi „a coloro che ancora non conoscono l’Amore di Dio” tramite la veggente Mirjana.

(da sito della Parrocchia a Medjugorje)

Tutto questo continua ancora oggi. 

(Visitata 425 volte, 1 visite oggi)