Articoli e video vari

Le parole d’incoraggiamento del parroco di Medjugorje, p. Marinko Šakota – il 19 marzo 2020

Sia lodato Gesu Cristo!

Cari amici di Medjugorje, cari fratelli e sorelle di tutto il mondo che siete collegati con Medjugorje attraverso la spiritualità portata qui dalla nostra Madre celeste Maria, Regina della Pace – Vi saluto di cuore e desidero dirvi alcune parole.

Oggi nella festa di San Giuseppe, oggi, in questa situazione, riceviamo un messaggio per tutti noi dalla vita di San Giuseppe e dalla vita di Maria.

Quindi ci chiediamo: in quale situazione si trova Giuseppe? In una situazione molto difficile!
È fidanzato con Maria e Maria è incinta.
Lui sa che il figlio non è suo.
Che situazione difficile, cosa fare, come agire?
Giuseppe è in una sofferenza profonda, ma Giuseppe è giusto, perché non si ferma  solo ai suoi piani, ai suoi pensieri, desideri.
Non pensa che l’unica cosa giusta sia quello che lui pensa e come lui vede le cose, ma è aperto.

È aperto ai piani di Dio, alla visione di Dio. Quando l’angelo gli dice: “Giuseppe, non temere! Non aver paura di prendere Maria con te!”, Giuseppe gli crede.
Giuseppe si fida dell’angelo e prende Maria come moglie.

Oggi, queste parole, cari amici, sono molto importanti per tutti noi e sono le parole: “Non temere”!
Queste parole ”Non aver paura” sono pronunciate dall’angelo Gabriele a Maria: ”Maria, non temere! Il Signore è con te!”

Queste parole l’angelo le dice a Giuseppe: “Giuseppe, non temere”!

Queste parole il Signore le dice a tutti noi oggi: “Non temete”!

Certamente c’è paura, ed è giustificata, dobbiamo stare attenti, proteggere noi stessi, essere disciplinati.
Dobbiamo prestare attenzione all’igiene: questo è assolutamente corretto e molto importante.
Tuttavia, non nell’ansia, non nella paura, ma nella fede, nella convinzione che il Signore è con noi, che noi siamo del Signore e che andrà tutto bene. Questa situazione è una grande opportunità per noi.
Possiamo vederla tragicamente, come qualcosa di tragico e in un certo senso è una situazione difficile, ovviamente è difficile, ma questa è un’opportunità per avvicinarsi a Gesù.
Questa è un’opportunità per tornare a Dio, per tornare alla preghiera, alla famiglia, ai veri valori.

Quando tutto va bene, noi dimentichiamo Dio.
Quando tutto va bene, cerchiamo solo il piacere, il divertimento, di stare bene nel senso materiale e dimentichiamo l’unica cosa necessaria, l’unica cosa importante, quello che Gesù dice a Marta, quell’unica cosa importante. Questo è quel momento!

In effetti, in questo tempo noi chiediamo e cerchiamo quell’unica cosa.
Una cosa sola conta per noi oggi, nient’altro, ed è  sopravvivere.
Ma noi cristiani non consideriamo il sopravvivere l’unica cosa, ma vogliamo vivere con Cristo.
Ora e nell’eternità!
Adesso vivere con Cristo!

Questa è un’occasione, cari amici, per pregare il Rosario, per prendere il Rosario nelle nostre mani.
La Madonna ci insegna: la forza è nel Rosario!
Dunque, Rosario nelle tue mani!
Leggere la parola di Dio, digiunare, andare sul Križevac, sulla Collina delle Apparizioni o trovare nei vostri luoghi il modo di pregare individualmente, in famiglia,  in ginocchio.
Apri le tue mani, apri il tuo cuore al Signore. Chiedi a Lui di rafforzare la tua fede, di rafforzare la tua fiducia in Lui, di rafforzare la tua speranza, di rafforzare la tua carità.
PregaLo affinché nel tuo cuore regni l’amore di Dio.
ChiediGli di aprire il tuo cuore per conoscere il Suo amore, per conoscere l’amore del Padre misericordioso che ti ama incondizionatamente, perché tu possa aprirti a quel sole, al calore del Suo amore.

Questa è un’opportunità, cari amici, questa è un’opportunità per scoprire l’Eucaristia.
Abbiamo luoghi, paesi in cui l’Eucaristia per motivi ragionevoli non c’é: perchè le persone non si spostino, stiano il più possibile a casa, e in questo modo si proteggano, così da fermare questa malattia, questa epidemia. Tuttavia è una grande opportunità per noi per scoprire il valore dell’Eucaristia, per scoprire il valore del sacramento della confessione, per riscoprirlo perché l’abbiamo dimenticato o ci siamo abituati e ora che non c’è l’abbiamo, si possa risvegliare in noi la fame dell’Eucaristia, l’amore per l’Eucaristia, per il sacramento della confessione, per l’Adorazione.

Ecco, cari amici, questo è un momento di grazia, momento difficile, ma tempo di grazia.
Approfittiamone!
Crediamo a quello che ci dice il Signore: “Non temere”!
E quando passerà questo tempo, avremo acquisito una grande esperienza, l’esperienza di aver creduto in un momento difficile.
Questa esperienza ce la porteremo per tutta la vita e comprenderemo che è possibile, è possibile, è possibile.
Questo è ciò che la Madonna ci insegna. Lei non ci toglie tutte le difficoltà, Lei non dice: ti toglierò tutti i problemi che hai nella vita.
No!
Lei dice: “Voglio insegnarvi come essere forti dentro, come avere una forte fede, speranza, carità, in modo che tu possa resistere nei  tempi difficili, essere paziente, aspettare con speranza, con fede”.

Cari amici, ve lo auguriamo di cuore.
Questa è un’opportunità per noi per iniziare a vivere i messaggi di nostra Madre come Lei ci invita a fare da così tanto tempo.

Approfittiamo di questo momento, iniziamo!

p. Marinko Šakota

Fonte: Parrocchia di Medjugorje

(Visitata 108 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *