Messaggi del 25

Commento di Padre Livio di Radio Maria al messaggio a Marija del 25 dicembre 2021

‘‘Cari figli! Oggi vi porto mio Figlio Gesù affinché vi doni la Sua pace. Figlioli, senza la pace non avete né futuro né benedizione, perciò ritornate alla preghiera perché il frutto della preghiera è gioia e fede, senza la quale non potete vivere. La benedizione odierna che vi diamo, portatela alle vostre famiglie ed arricchite tutti coloro che incontrate affinché sentano la grazia che voi ricevete. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Commento di Padre Livio di Radio Maria al messaggio del 25 dicembre 2021

Il messaggio è di grande impronta natalizia ed è un grande dono di grazia il fatto che la Madonna sia venuta anche quest’anno, nel giorno di Natale, con il Bambino Gesù in braccio.

Questo era avvenuto anche il primo giorno delle Apparizioni, il 24 Giugno 1981, quando appunto la Madonna fu vista per la prima volta sulla collina da Ivanka e Mirjana a cui poi si aggiunsero anche Vicka e Ivan, Marija e Jacov.

Nel colloquio di ieri, Marija ha dato particolari molto belli, molto interessanti, con cui possiamo fare veramente un bel quadro della presenza del Bambino Gesù nel giorno di Natale.

Io mi soffermerei un po’ a raccontarlo.

In questo Natale, la Madonna con Gesù Bambino è apparsa a Marija, a Vicka, a Jacov nella sua Apparizione annuale che ha ogni 25 Dicembre e a Ivan che è negli Stati Uniti. Ma solo con Marija la Madonna ha dato la benedizione insieme al   Bambino Gesù, difatti  ha  detto:  “la  benedizione  odierna  che  vi  diamo,  portatela  alle  vostre famiglie”, come volesse mettere l’accento che il giorno dopo, Domenica 26 Dicembre, era la festa della Sacra Famiglia e “arricchite con questa doppia benedizione tutti coloro che incontrate”.

Vedete il realismo di queste Apparizioni: solo a Marija la benedizione è di ambedue, mentre nel messaggio a Jacov non c’è nessun riferimento, perché il Bambino Gesù non ha dato nessuna benedizione.

Questo realismo spazza via tutte quelle battute inconsistenti di chi dice che i veggenti hanno delle “circonvoluzioni mentali”, come se fossero dei pazzi o dei visionari.

Qui c’è un realismo, c’è una testimonianza seria!

Ascoltate la telefonata di Marija, quando ha fatto lo sforzo di descriverci esattamente quello che ha visto e sentito. Intanto Marija ci aveva già raccontato cosa accadde nel Natale del 2012. Marija chiese il messaggio alla Madonna, ma la Madonna stette zitta e si alzò in piedi il Bambino Gesù e parlò con grande autorità, con la voce alta, con autorità divina e disse: “io sono la vostra pace, vivete i miei comandamenti!”.

Quel “io sono”, ha un rimbombo nel Vangelo: “io sono la via, la verità, la vita!” Quell’occasione è stata molto preziosa perché si è visto come il Bambino Gesù non è muto, ha una sua tunica che a Natale è screziata d’oro, mentre la Madonna a Natale ha la veste lunga e il velo dorati a indicare la Sua regalità, l’oro è indice della regalità divina di Cristo!

Poi alcuni dicono che Gesù non sapeva di essere Dio, smettiamola con queste battute che hanno fatto il loro tempo, sono anacronistiche!

Poi in questo Natale, da Marija abbiamo saputo cose molto interessanti. Marija ci ha detto 4 particolari che a me sembrano molto importanti.

Prima di tutto ha detto di che i capelli di Gesù sono tra il biondo e il nero, poi ha detto che gli occhi di Gesù sono azzurri come quelli di sua Madre. Sono particolari molto belli, molto interessanti.

Ma a mio parere la cosa più bella che ha detto Marija è che il volto di Gesù Bambino assomiglia molto al volto di sua Madre e questa è una cosa meravigliosa, c’è una somiglianza che dice tutto.

Poi la tenerezza con cui la Madonna tiene il Bambino, lo copre col velo, pur facendo vedere la faccina e gli occhi.

Tutto questo quadro è circonfulso di una luce così luminosa e così meravigliosa che non si può descrivere, un quadro divino meraviglioso estasiante.

Ma la cosa unica, a mio parere, è che Gesù Bambino ha dato la benedizione insieme con la Madre: “la benedizione che vi diamo”.

Questa benedizione è molto confortante, perché siamo in tempi in cui abbiamo rifiutato la fede, abbiamo rifiutato la Croce, l’Unione Europea voleva togliere “Buon Natale” e in Cina vogliono cancellare il Natale.

Gesù Cristo è perseguitato e tuttavia viene con sua Madre per darci la sua benedizione. Questo è un atto di amore per il mondo in questo tempo di travaglio dell’umanità che va verso l’autodistruzione, va verso una guerra mondiale, di cui si teme parlare apertamente al giorno d’oggi.

Ma il messaggio non è così positivo, la Madonna, con parole dolci, ci trasmette un messaggio che è un ammonimento molto serio, un ammonimento che ci ha detto altre volte, è come se ci dicesse: “vi accorgere cosa vuol dire non avermi ascoltato”. Infatti dice la Madonna: “Figlioli, senza la pace non avete né futuro”, senza la pace, senza mio Figlio che è la pace, non avete futuro, il mondo va verso l’autodistruzione, “né la benedizione”, cioè la vita eterna.

Lo aveva detto nel messaggio del 6 agosto 2021: “senza Dio non c’è né futuro, né vita eterna, perciò convertitevi e ritornate a Dio” e adesso e ha detto: “senza la fede non potete vivere”, “siete morti”; noi abbiamo rifiutato la fede e la Croce, moltissimi vivono come se Dio non esistesse.

Senza la pace, senza Gesù che è la pace, non avete futuro, senza la fede in mio Figlio non potete vivere“. Tiriamo le conseguenze.

Quante volte ce lo deve ancora ripetere, cosa aspettiamo a tornare a Dio? Cosa aspettiamo a convertirci?

Cosa ci aspettiamo dal mondo e dal principe di questo mondo? Che paga ci aspettiamo dal demonio? Cosa ci aspettiamo da un mondo senza Dio se non tenebra, sofferenza, mancanza di libertà, oppressione e morte.

La Madonna ci dà 3 imperativi, (i suoi messaggi sono tutti un capolavoro), prima c’è il messaggio della speranza, poi c’è l’ammonimento e infine c’è quello che dobbiamo fare:

1) perciò ritornate alla preghiera”, se non vogliamo perdere la fede, l’intimità con Dio, la gioia di Dio, dobbiamo pregare con fede ogni giorno, alimentare la fede, la presenza di Dio, la gioia, con la preghiera. La preghiera è sia personale, sia preghiera della Chiesa, in particolare la S. Messa, ed è una sofferenza vedere le chiese semivuote anche a Natale,

2) portate alle vostre famiglie la benedizione che vi diamo”; la Madonna sa benissimo che il giorno dopo Natale è la festa della famiglia e ci ha detto di portare la benedizione di suo Figlio e la sua alle famiglie.

Noi dobbiamo essere nelle nostre famiglie portatori della pace, della fede,

dell’amore, della preghiera, della riconciliazione,

3) arricchite tutti coloro che incontrate affinché sentano la grazia che voi ricevete”. L’ultimo imperativo riguarda la testimonianza esterna, verso gli altri, oltre le nostre famiglie: arricchite tutti quelli che incontrate, portate il vostro sorriso, la vostra pace, la vostra gioia, la vostra buona parola, il vostro perdono, se necessario.

Così come voi siete stati arricchiti da ciò che Dio vi ha dato, voi arricchite gli altri, così che anche loro sentano e diventino partecipi della grazia che voi avete ricevuto.

È così che si cambia il mondo, cambiando noi stessi e riempiendoci dei doni di Dio, li portiamo agli altri con umiltà e soprattutto con noi stessi, essendo quello che siamo: dei portatori di Dio.

Questo è un messaggio meraviglioso, costruito con sapienza, solamente la Madonna può fare questi messaggi.

La mia certezza per quanto riguarda Medjugorje è sia sui segni della parrocchia, dove la gente viene e si converte, luogo di umiltà e di persone che trovano Dio, sia per i messaggi che sono un segno di primaria grandezza, per la sapienza che hanno, per la luce che hanno, la potenza della grazia che hanno dentro, si vede che sono della Madonna.

La benedizione odierna che vi diamo”, cosa deve fare di più Dio per tirarci fuori dalla palude nella quale siamo precipitati, cosa deve fare di più Dio per salvarci, quando noi non vogliamo salvarci, vogliamo vivere senza di Lui?

Ci pervertiamo su noi stessi rischiando di diventare coeredi dei demoni. Stiamo attenti, non durerà a lungo il tempo di grazia, poi arriverà anche il momento in cui saremo o di qua o di là, o si sceglie per Dio o si sceglie per il diavolo.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Non possiamo che ringraziare la Madonna per la sua Presenza e per i messaggi che ci dà, per la sua presenza, per la sua fedeltà, per il suo amore.

“ Trascrizione dall’originale audio ricavata dal sito: www.medjugorjeliguria.it

(Visitata 14 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.