Messaggi del 25

La veggente Marija Pavlovic Lunetti in diretta con P. Livio a Radio Maria per il messaggio del 25 aprile 2021

“Cari figli! Oggi vi invito a testimoniare la vostra fede nei colori della primavera, che sia la fede della speranza e del coraggio. Figlioli, la vostra fede non venga meno in nessuna situazione e neanche in questo tempo di prova. Camminate coraggiosamente con Cristo Risorto verso il Cielo che è la vostra meta. Io vi accompagno in questo cammino di santità e vi metto tutti nel mio Cuore Immacolato. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

P. Livio: E’ un messaggio col profumo della primavera.

Marija: Non è la prima volta. La Madonna ha già parlato di primavera in diversi messaggi. Primavera di colori, della natura che si apre, ma anche primavera della fede… La Madonna ci chiama alla primavera della fede, della speranza, del coraggio che ognuno di noi deve avere perchè siamo chiamati ad essere testimoni.

P. Livio: Anch’io ho meditato su questa affermazione, che cioè la nostra fede deve essere come i colori della primavera, che sono gioiosi, festosi, vivaci e attraenti.

Marija: Deve essere anche tenera, come le cose di primavera. Anche noi dobbiamo essere teneri con gli altri, soprattutto con quelli che non hanno fede.

P. Livio: Sì, e anche attraente. I fiori attirano le farfalle. Anche la nostra fede deve essere tale da destare lo stupore e attirare chi è lontano. Già da qualche messaggio e anche in questo per due volte c’è la parola “coraggio”.

Marija: Pensando alla primavera, il fiore ancora chiuso non ha il coraggio di uscire. Ma quando cominciano ad arrivare i raggi di sole, si apre e diventa bellissimo. Anche noi dobbiamo uscir fuori dal nostro guscio e trovare il coraggio di testimoniare… Grazie anche al fatto che non siamo soli perchè la Madonna ci ripete che è con noi, ci accompagna e ci mette nel suo Cuore Immacolato. Lei è la nostra sicurezza, noi la seguiamo e Lei ci porta nel posto sicuro: l’Eucarestia. Maria e l’Eucarestia, come diceva Don Bosco, sono i due pilastri che noi dobbiamo abbracciare con tutte le forze. Senza Eucarestia e Maria, è difficile vivere la nostra fede… La Madonna ci sta chiamando e portando verso Gesù. Il cammino della conversione non si ferma alla Madonna… E’ un cammino di fede, di preghiera. Tanti dicono che la Madonna si ripete sulla preghiera. Dire il Pater, Ave e Gloria, all’inizio può essere una cosa ripetitiva, ma poi a poco a poco dalla mente entra nel cuore e quando è nel cuore comincia a lavorare in modo profondo; comincia quel cammino della conversione e della santità al quale la Madonna anche questa sera ci ha chiamato. La Madonna ci invita a cominciare una vita nuova, vita di santità, di coraggio, guardando verso il Cielo che è la nostra meta.

P. Livio: La Madonna ripete tre volte la parola “fede”. Oggi molti hanno rifiutato la fede e i cristiani sono, soprattutto in certi Paesi del nord, una piccola minoranza. La Madonna è preoccupata e ci dice: “La vostra fede non venga meno in nessuna situazione e neanche in questo tempo di prova” … Mi pare che la fede oggi sia a rischio e dobbiamo lottare.

Marija: Esattamente. Credo che noi dobbiamo combattere con la nostra vita, con coraggio e con la testimonianza, certo con tenerezza, ma anche con decisione… Non siamo coscienti del dono che abbiamo con la fede. Quello che mi dispiace di più è vedere che tanta gente si è allontanata senza rendersi conto di cosa perde. Tante persone vanno nelle sette, nello yoga, in certe religioni dell’India, dei guru e perdono la bellezza della nostra fede che è enorme. Tante volte io mi commuovo pensando che Gesù è l’unico che è risorto e che Gesù è l’unico che è morto per noi, per darci la vita, la vita eterna…

P. Livio: … Secondo te, dopo quaranta anni che la Madonna è a Medjugorje, è contenta di come noi abbiamo risposto?

Marija: Io non ho mai visto un messaggio che non sia un messaggio di speranza. Lei ci invita, ci ama, ci incoraggia. In questo messaggio ci dice: “Io vi accompagno in questo cammino di santità e vi metto tutti nel mio Cuore Immacolato”. La Madonna non abbandona nessuno e ci porta verso suo Figlio, verso Gesù risorto, perchè anche noi dobbiamo risorgere con Lui. La Madonna ha un quadro molto più largo del nostro. Noi guardiamo le chiese vuote, le persone che perdono la fede, vediamo la persecuzione dei cristiani, le tante chiese danneggiate, tanti sacerdoti massacrati, ma, ciò nonostante, la Madonna ci dà la speranza, ci dà occhi di tenerezza, occhi di primavera, occhi di fede, occhi di coraggio. Questo mi commuove e dico che finchè Lei è con noi non dobbiamo avere paura. Lei ci sta guidando, ci ama, ci incoraggia. Ci ha detto che non dobbiamo avere paura del futuro.

P. Livio: Sì, perchè il futuro è di Dio e la Madonna ha anche detto: “Se siete miei, vincerete”. La sua vittoria è sicura e noi siamo chiamati ad essere cooperatori di questa vittoria.

Marija: Questo mi commuove: noi siamo nessuno e invece agli occhi di Dio siamo importanti. Anche tu che sei allettato, sei nella sofferenza, malato, tu che stai vivendo un momento di prova, tu che non sai la soluzione dei tuoi problemi, confida nel Signore, confida nella sua santissima Madre! Chiediamo con fede al Signore di aiutarci…

P. Livio: Quando la Madonna vi ha fatto vedere il Paradiso, il purgatorio e l’inferno, vi ha detto che molte persone pensano che con la morte finisca tutto. Così, infatti, pensano tante persone che conosciamo. Come è importante che noi cristiani affrontiamo la vita con questa speranza e certezza: che il Cielo esiste ed è la nostra meta. La presenza della Madonna da così tanto tempo, Lei che dal Cielo discende sulla terra col suo corpo glorioso, è la più bella dimostrazione che il Cielo c’è ed è la nostra meta.

Marija: Esattamente… La Madonna non ha mai parlato della pandemia. Noi qui a Medjugorje non abbiamo quella paura che c’è in Italia. Siamo irresponsabili? Io penso che sia grazie alla fede e anche al bisogno di essere gli uni con gli altri, come i primi cristiani che si amavano e condividevano… Vedo come cosa bellissima il poter condividere non solo il cibo, ma anche la nostra esperienza spirituale… Sì, c’è il virus, ma non deve essere più importante del nostro rapporto con Dio. Tante persone hanno paura di andare in chiesa per la Messa con la scusa del virus! Dobbiamo avere quella fede coraggiosa che sposta anche le montagne. Non dico di andare nei supermercati affollati o nelle discoteche, ma vivere questo momento con serenità e con fede. Certo è un momento di prova, ma che il coronavirus non diventi la cosa più importante del mondo.

P. Livio: Quando la Madonna dice “Questo tempo di prova”, allude alla pandemia o alla prova della fede?

Marija: Io penso alla prova della fede, perchè la Madonna non ha mai parlato della pandemia… Purtroppo la televisione e tutti i mass media mettono la paura e tante volte dicono cose non secondo la verità…

(Marija ha terminato invitando tutti a un mese di maggio speciale di preghiera e di costanza. Ha informato che a Medjugorje si stanno programmando tante cose per questo mese, anche in vista dello speciale anniversario dei quaranta anni di presenza della Madonna.)

<<< >>>

Marija e Padre Livio hanno quindi pregato il “Magnificat” ed il Gloria

… e Padre Livio ha concluso con la benedizione.

Marija e P. Livio

Fonte: Medjugorje Oggi

(Visitata 48 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *