Video-Letture Ango Teologico

Video-lettura (8): Messaggio a Mirjana del 2/4/2015 – L’amore verso il Figlio di Maria

La quinta puntata della rubrica “Contemplando Maria” condotta da Rita Sberna in collaborazione con don Renzo Lavatori sul canale YouTube “Cristiani today” (6 ottobre 2021)


L’amore verso il Figlio di Maria


Messaggio a Mirjana del 2 aprile 2015
“Cari figli, ho scelto voi, apostoli miei, perché tutti portate dentro di voi qualcosa di bello. Voi potete aiutarmi affinché l’amore per cui mio Figlio è morto, ma poi anche risorto, vinca nuovamente. Perciò vi invito, apostoli miei, a cercare di vedere in ogni creatura di Dio, in tutti i miei figli qualcosa di buono e a cercare di comprenderli. Figli miei, tutti voi siete fratelli e sorelle per mezzo del medesimo Spirito Santo. Voi, ricolmi d’amore verso mio Figlio, potete raccontare a tutti coloro che non hanno conosciuto questo amore ciò che voi conoscete. Voi avete conosciuto l’amore di mio Figlio, avete compreso la sua Risurrezione, voi volgete con gioia gli occhi verso di Lui. Il mio desiderio materno è che tutti i miei figli siano uniti nell’amore verso Gesù. Perciò vi invito, apostoli miei, a vivere con gioia l’Eucaristia perché, nell’Eucaristia, mio Figlio si dona a voi sempre di nuovo e, col suo esempio, vi mostra l’amore e il sacrificio verso il prossimo. Vi ringrazio”.

La Madonna era decisa nella sua intenzione di aiutarci. Mirjana ha detto che ha raccomandato tutti e che la Madonna ha benedetto tutti.

Commento teologico

In questo messaggio si vede bene che l’aspetto fondamentale è quello con  cui la Vergine chiama “apostoli miei” i suoi devoti. Cosa significa essere apostoli di Maria? La parola apostolo abbraccia tre significati fondamentali.

  1. Essere scelti personalmente dall’amore materno di Maria, quali soggetti singolari, uno ad uno, su cui Maria ha rivolto il suo sguardo e ci ha chiamati a stare vicino a Lei.
  2. Ella ci ha accolti tra le sue braccia per farci sentire i palpiti del suo cuore materno, in modo che noi ne condividessimo i sentimenti più intimi e delicati, i desideri, la volontà, le aspettative e le speranze per la salvezza dei suoi amati figli, anche, e soprattutto, quelli più lontani e bisognosi.
  3. Dopo tale condivisione del suo amore materno, Ella ci ha inviati a trasmettere sulle strade del mondo il suo ardente amore, affinché tutti possano assaporarne la dolcezza e la profondità, la tenerezza e la generosità. Solo se i cristiani entrano in tale sincero e filiale rapporto con Maria, si rendono idonei ad essere “i suoi apostoli fedeli ed efficaci”, per il fatto che loro comunicano ciò che essi stessi hanno vissuto e percepito, come qualcosa di vivo e di concreto che alberga nei loro cuori. Se invece restano chiusi in sé stessi, nel proprio egoismo, con il cuore insensibile e pietrificato, non possono essere suoi autentici testimoni, anche se diffondono parole e gesti di apparente amore, ma privi dell’amore totale e puro come il suo.

A questo punto ci si può fare una domanda? Qual è l’oggetto centrale dell’amore materno di Maria? Quale il tesoro del suo cuore? Non vi è altra risposta che quella stessa che Ella ci offre: “l’amore verso il mio Figlio”. Gesù, il suo amatissimo Figlio, il Verbo di Dio che si è incarnato nel suo grembo verginale, costituisce il centro, l’essenza, la totalità del suo immenso amore materno. Lui, Lui solo Ella ama sopra tutte le cose e per questo non può desiderare altro che tutti noi lo amiamo con il medesimo ardore. In tal modo diventiamo tutti “figli suoi”, perché abbiamo “conosciuto l’amore di suo Figlio”. Queste parole dovrebbero risuonare intimamente nel nostro animo per percepirne tutta l’intensità e la bellezza, la vitalità e la grandezza! Questo è “qualcosa di bello” che ciascuno di noi porta dentro di sé, anzi la cosa più bella in assoluto, di fronte alla quale ogni altra realtà passa in secondo ordine. Questo tesoro incomparabile è quello che “i suoi apostoli” dovrebbero diffondere tra le creature umane, affamate come sono dell’Amore vero e perfetto che solo Gesù possiede.

Anzi la fonte da cui zampilla tale amore sta precisamente nella  “Eucaristia”, che contiene la presenza reale di Cristo e dalla quale attingiamo costantemente la forza, la gioia e lo slancio di riscoprire e rinnovare ogni volta l’esperienza meravigliosa di sentire in noi l’Amore che ci salva, ci guarisce e ci purifica. Di questo Amore dobbiamo renderci disponibili a testimoniarlo concretamente e vitalmente ai fratelli con cui viviamo giorno dopo giorno. Allora veramente potremo trasformare questa terra, intrisa di cattiveria e di odio, in una casa di pace e di comunione fraterna al cui centro si staglia netta e fulgida la figura di Cristo il crocifisso morto e risorto, nostra vita e nostra salvezza.


Commento teologico tratto dal libro “Medjugorje. Il Cantico dell’Amore” di don Renzo Lavatori
Commento teologico ai messaggi mariani negli anni 2015 – 2019 – Edizioni Sant’Antonio


Fonte: Canale YouTube “Cristiani Today” di Rita Sberna – puntata del 6/10/2021

(Visitata 4 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *