Messaggi del 25

La veggente Marija Pavlovic Lunetti in diretta con P. Livio a Radio Maria per il messaggio del 25 marzo 2022  

“Cari figli! Ascolto il vostro grido e le preghiere per la pace. Da anni satana lotta per la guerra. Perciò Dio mi ha mandata in mezzo a voi per guidarvi sul cammino della santità, perché l’umanità è al bivio. Vi invito a ritornate a Dio ed ai comandamenti di Dio per stare bene sulla terra e per uscire da questa crisi in cui siete entrati perché non ascoltate Dio che vi ama e desidera salvarvi e guidarvi verso la vita nuova. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

P. Livio: Questo messaggio mi ha dato gioia e speranza. Mentre c’era questa grande preghiera universale di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria col Papa in S. Pietro, a Fatima e tutta la Chiesa, la Madonna ha dato il messaggio dicendo: “Ascolto il vostro grido e le preghiere per la pace”. La Madonna ci ascolta!

Marija: Oggi pomeriggio, prima dell’apparizione, ci siamo uniti a tutto il popolo cristiano davanti all’immagine della Madonna di Fatima e abbiamo letto l’atto di consacrazione del Papa. Dopo l’apparizione siamo andati in chiesa per la S. Messa solenne e la consacrazione ufficiale col nostro Vescovo Aldo Cavalli. E’ stata una grande gioia per tutti. Con questa lunga preghiera, il Papa ha toccato tanti punti. Io ho collegato quello che ha scritto il Papa col messaggio della Madonna e ho trovato tanti spunti. Questa sera la Madonna è apparsa seria, decisa e ho sentito nel cuore che Lei ci è vicina. Il mese scorso ha detto “Preghiamo insieme” e oggi ha detto “Ascolto il vostro grido”. La Madonna è con noi e ci ascolta. Per me questa guerra è assurda. Si ammazzano tra fratelli, come Caino e Abele, tra cristiani. Questo mi dà tristezza nel cuore. La guerra è sempre il male (satana): “Da anni satana lotta per la guerra”. C’è da una parte il fratello cattivo che non vuole la pace, i Comandamenti di Dio, che non accoglie l’invito che Dio ci dà attraverso la Madonna. Dall’altra parte quelli che hanno abbracciato il messaggio della Madonna, si sono avvicinati a Dio e hanno cominciato a vivere le parole della Madonna: “Siete le mie mani allungate”. Spero che sempre più persone abbraccino il messaggio della Madonna per arrivare a Dio. Lei è l’umile serva di Dio, mandata da Lui. Anche questa sera ci ha ripetuto: “Dio mi ha mandato in mezzo a voi”.

P. Livio: Mi pare sia la prima volta che la Madonna dice: “Ascolto il vostro grido”. In queste settimane quanti hanno gridato, specialmente in Ucraina, alla Madonna perché venga in aiuto …

Marija: Qui a Medjugorje sono arrivati diversi rifugiati. Anche stasera alla Messa c’erano le mamme giovani con i bambini piccoli, mentre i mariti sono rimasti a proteggere la loro patria. Immagina le loro grida! Hanno lasciato tutto. Loro sperano di tornare presto a casa. Tantissimi anziani non hanno voluto lasciare la loro casa e sono un po’ abbandonati. Questi venuti si sentono un po’ in colpa riguardo a loro, ma hanno dovuto venire via per salvare dalla guerra i loro figli … Noi sappiamo che la guerra non è un bene, l’abbiamo sperimentato un po’ di anni fa e la Madonna ci disse di pregare di più perché così la guerra poteva finire prima.

P. Livio: Per la prima volta si minacciano le armi nucleari e anche il Papa ha parlato di questo nell’atto di consacrazione. Armi nucleari significa quello che disse la Madonna: “Satana vuole distruggere le vostre vite e il pianeta sul quale vivete”. Mi sembra che la Madonna dica che l’umanità è proprio al bivio tra la vita e la morte.

Marija: Dobbiamo essere uomini e donne di pace, dobbiamo abbracciare la preghiera perché noi crediamo e abbiamo sperimentato in tante occasioni la forza della preghiera. Penso che dobbiamo aumentare ancor più il nostro grido alla Madonna e la preghiera a Dio affinchè finisca questa guerra …

P. Livio: Secondo te c’è il pericolo di una guerra mondiale nucleare?

Marija: Non voglio entrare nei segreti, ma tu Padre Livio mi hai mai visto agitata? Noi non siamo agitati perché crediamo che la Madonna è con noi e ascolta il nostro grido e le preghiere. Dio l’ha mandata a noi per guidarci. Sono quaranta anni che è con noi … Satana è forte. L’ha detto in diversi messaggi. All’inizio del nuovo millennio, ci ha detto che satana è scatenato. Sappiamo che il male c’è e tante volte usa anche noi attraverso il nostro egoismo, la nostra prepotenza, perché non abbiamo abbastanza amore di Dio e viviamo da ribelli, senza ascoltare i Comandamenti di Dio. Proprio per questo la Madonna con la sua dolcezza, con la sua costanza, da quaranta anni ci sta guidando per dirci che Lei è con noi, che Dio è con noi e non dobbiamo avere paura … Ci dice: “Vi invito: ritornate a Dio e ai Comandamenti di Dio per stare bene sulla terra”. Noi siamo qua sulla terra, ma la nostra méta è il Cielo, il Paradiso … Dobbiamo pensare alla nostra vita sulla terra lasciandoci guidare da Dio, dai suoi Comandamenti, vivendo la santità. Cerchiamo di trasmettere la fede con la nostra vita, il nostro esempio, col nostro amore. Noi ci siamo innamorati della Madonna perché Lei è il riflesso di Dio e Dio è amore. Io credo che anche noi dobbiamo diventare un riflesso di Dio. La nostra méta è il Paradiso, ma non deve venir meno il nostro impegno … Cerchiamo di trovare l’armonia tra io e Dio. Allora il nostro cuore sarà pieno di gioia … Quando trovi Dio, trovi la Madonna, tu vivi il Paradiso nel tuo cuore …

P. Livio: Ma quanti ascolteranno queste parole? In questi quaranta anni vedi un ritorno a Dio?

Marija: … Se Dio trova il nostro cuore aperto, anche se siamo pochi, diventiamo lievito, testimoni … Vedo che la grande famiglia di Maria sta reagendo e anche questo atto di consacrazione del Santo Padre è un grande segno, una primavera. Se uniti, diventiamo più forti, anche con i pagani ritornati a Dio, anche con gli ortodossi. A Natale sono arrivati tanti ucraini ortodossi a pregare per la pace … Dobbiamo essere uomini di preghiera. Oggi è il 25 e, come ogni mese, ci sarà in chiesa l’adorazione eucaristica tutta la notte … E’ arrivato un giovane sacerdote, un amico, che aveva preso un ictus ed era in coma … Non c’era speranza. Abbiamo pregato tanto ed ora è completamente guarito. Oggi è salito sulla Collina delle apparizioni. Dobbiamo credere e pregare … Dobbiamo bussare al cuore di Gesù … In Italia c’è ancora tanta paura. Ho visto diversi sacerdoti chiusi, senza coraggio dopo questo covid. Penso che sia il momento di ricominciare, anche grazie a questa consacrazione che non è soltanto per la Russia e l’Ucraina … Dobbiamo essere più forti, più testimoni, con più preghiera. I più anziani testimonino ai figli e ai nipoti senza paura. Gridate che Dio è misericordioso, che è buono, che è amore! … Il mondo ha bisogno di questi testimoni …

P. Livio: Come interpreti la frase “Dio vi ama e desidera salvarvi e guidarvi verso la vita nuova”.

Marija: Io ho capito che la Madonna intende condurci a una società non corrotta, una società non abortista, che non ha paura di mettere al mondo più figli, una società senza armi, che rispetta la vita, la natura e questa terra che è un dono di Dio … Con Dio si sta
bene sulla terra, ma io preferisco il Paradiso. Quante generazioni l’hanno già raggiunto e ci aspettano! Là vedremo la Madonna giorno e notte e non solo per cinque minuti … Sì, noi l’abbiamo visto il Paradiso, ma io voglio andare a vivere in Paradiso …

(Alla fine Marija ha mandato un saluto e l’assicurazione della preghiera a Radio Maria Ucraina).

<<< >>>

Marija e Padre Livio hanno quindi pregato il “Magnificat” ed il Gloria

… e Padre Livio ha concluso con la benedizione.

Marija e P. Livio

Fonte: Maria a Medjugorje

(Visitata 53 volte, 2 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.