Messaggi del 25

Commento di Padre Livio al Messaggio a Marija del 25 novembre 2022

”Cari figli, l’Altissimo mi ha mandato a voi per insegnarvi a pregare. La preghiera apre i cuori e dona la speranza; la fede nasce e si rafforza. Figlioli, io vi invito con amore: ritornate a Dio, perché Dio è il vostro amore e la vostra speranza. Se non vi decidete per Dio, non avete futuro e perciò sono con voi per guidarvi, affinché vi decidiate per la conversione e per la vita e non per la morte. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Commento di Padre Livio di Radio Maria al messaggio del 25 novembre 2022

Questo messaggio è da collocare nel tempo liturgico di Avvento.

La Madonna è sempre molto attenta ai passaggi liturgici, specialmente a quelli di Natale e di Pasqua, il tempo di Avvento e il tempo di Quaresima.

Quindi tutte le esortazioni che ci dà nel messaggio sono un programma per il tempo di Avvento, per la preparazione al Natale.

Come ha accennato Marija, possiamo dividere il messaggio in tre parti.

La prima parte è un’esortazione alla preghiera: “Cari figli, l’Altissimo mi ha mandato a voi per insegnarvi a pregare. La preghiera apre i cuori e dona la speranza; la fede nasce e si rafforza”.

La Madonna, in questo tempo di Avvento, ci invita a riprendere la preghiera.

Quello della preghiera è il messaggio più ricorrente in tutti questi quasi quarantadue anni di apparizioni e di messaggi dalla Madonna, anche se Lei ha detto che il messaggio più importante che ha dato a Medjugorje è quello della conversione.

Ovviamente, come ci spiega nel messaggio, la conversione è anticipata dalla preghiera che è il primo passo nel cambiamento di vita.

Qui la Madonna dice: “Dio mi ha mandato per insegnarvi a pregare”.

Infatti se noi prendessimo tutti i messaggi della Madonna, sia quelli dati nei primi tre anni, sia quelli dati alla Parrocchia, sia quelli dati attraverso la veggente Mirjana, si potrebbe fare un’antologia di esortazioni meravigliose che riguardano la preghiera.

A Medjugorje la Madonna prima di tutto viene per pregare, il più delle volte non dà messaggi e i veggenti Le fanno raccomandazioni di preghiera.

L’evento della preghiera è un evento centrale dell’apparizione e la Madonna stessa è la figura vivente della preghiera. Di qui la preziosità delle apparizioni!

Non possiamo banalizzarle dicendo: “quante apparizioni!”, perché in un mondo che non prega, in un mondo che non conosce la fede, la Madonna porta la preghiera del Cielo sulla Terra.

La Madonna prega con noi, prega per noi, ci invita a pregare con Lei, ci invita a pregare per gli altri e Lei stessa ci ricolma della sua preghiera.

Ecco perché dice: “L’Altissimo mi ha mandato a voi per insegnarvi a pregare”.

E, come dice la frase successiva, “la preghiera apre il cuore e dona la speranza; la fede nasce e si rafforza”.

Il processo di conversione inizia quando uno apre il cuore alla preghiera e si rivolge a Dio per invocarlo, magari per dirgli “se ci sei, fatti sentire”, insomma il cambiamento di vita, la conversione inizia con un’invocazione.

L’invocazione della preghiera è una grazia dello Spirito Santo, alla quale però bisogna rispondere, è Dio che ci muove! È Dio che ci muove alla preghiera, però da parte nostra ci vuole la risposta.

La preghiera apre il cuore”, uno pregando si rivolge a Dio, il suo cuore esce dall’immanenza, esce dalla melma del peccato e del male, esce dalle tenebre, apre una finestra di una stanza buia ed entra la luce di Dio! Con la luce di Dio nasce “la speranza”, uno vede una prospettiva nuova per la vita, vede che la vita si apre a qualcosa di più grande della vita stessa, di qualcosa che lo tira fuori dalla caverna nella quale è rinchiuso, che è la caverna della tenebra, del dolore e della morte che è la vita senza Dio.

Nell’istante in cui uno incomincia a pregare, sia pure dicendo una sola parola, “Dio mio! Dio ci Sei?”, in quel momento esce dal mondo senza Dio!

Incomincia un itinerario di speranza e anche la fede che era morta nasce” e se la fede è ancora piccola, grazie alla preghiera, “si rafforza”.

Però avviene anche il contrario, per tutti quelli che hanno la fede e non pregano, la fede si indebolisce e muore come un fiore senz’acqua.

Questa è la prima parte del messaggio: ricominciare a pregare!

Dobbiamo assolutamente, all’interno della giornata, creare spazi di vera preghiera, spazi di tempo e forse anche di luogo, in cui rivolgersi a Dio a un “tu per tu” e in quel “tu per tu”, presentarGli la nostra vita!

Vediamo il secondo passo: dopo aver aperto il cuore a Dio e quindi dopo aver acceso la lampada della fede e della speranza, bisogna muoversi e camminare e fare cosa?

La Madonna ci dice: “io vi invito con amore”, cioè non ci invita con minacce, ma con amore e ci ripete l’invito che ha fatto innumerevoli volte: “ritornate a Dio”.

Se avete lasciato Dio in questi decenni di ubriacatura generale di ateismo e di materialismo e avete sperimentato quanto è grama la vita senza Dio e quanto sono ingannevoli le esche del demonio che producono la morte, allora “ritornate a Dio”!

Perché ritornare a Dio? “perché Dio è il vostro amore e la vostra speranza”, Dio è l’amore che il nostro cuore desidera, siamo stati fatti per Dio, creati per Dio, il nostro cuore desidera Dio, il nostro cuore è felice in Dio!

Quindi il nostro amore, quello che il cuore desidera, l’amore totale, assoluto, l’amore di un padre, di un fratello, l’amore che non tradisce viene solo da Dio e Dio è la nostra speranza.

Scopriamo che dal male e dalla morte, dal non senso, dalla disperazione, dalle paure esistenziali, solamente Dio ci può liberare, soltanto Lui ci può offrire un futuro, perché Lui solo è la vita, non la morte e Lui solo ci può offrire un futuro di vita.

Questo dunque è il secondo passo che la Madonna ci invita a fare e cioè alzare gli occhi verso Dio e incominciare a camminare verso di Lui.

Poi la terza parte del messaggio: “Se non vi decidete per Dio, non avete futuro e perciò sono con voi per guidarvi, affinché vi decidiate per la conversione e per la vita e non per la morte”.

La Madonna ci dice che occorre cambiare la nostra vita e che una vita senza Dio, senza luce, senza santità è una vita per la morte.

Lasciamo una vita di peccati, una vita in cui siamo schiavi del demonio, schiavi della carne, schiavi dell’effimero, una vita in cui il peggio di noi stessi esce dal di dentro e ci conquista e ci plasma a immagine del maligno e decidiamo di cambiare questa vita, riformare la nostra vita e risorgere a nuova vita nella grazia.

La Madonna dicendo “decidetevi per la conversione e per la vita e non per la morte”, ci invita a fare un esame di coscienza, a vedere il male nella nostra vita, a

prendere le decisioni per estirpare le radici del male, a preparare la Confessione di Natale col proposito di iniziare un anno nuovo con una vita nuova.

Una vita con Dio diventa una vita di gioia, una vita di speranza, ma la Madonna, che ci parla con amore, non ci tace le conseguenze di una vita senza Dio che è una vita per la morte.

Quando la Madonna, nel messaggio del 25 ottobre 2022, ha detto: “l’umanità ha deciso per la morte”, voleva dire che l’umanità ha deciso di fare a meno di Dio, è come se noi volessimo fare a meno del sole e quindi sulla terra, senza il sole che è la vita, ci sarebbe la morte;

l’umanità ha deciso per la morte”, in questo messaggio invece la Madonna indica 2 decisioni contrarie, ma personali, perché ci ha dato ancora spazio e tempo per la conversione personale: “Se non vi decidete per Dio, non avete futuro”, bisogna decidersi per Dio e poi ci ha detto: “decidetevi per la conversione e per la vita e non per la morte”.

Non diamo spazio alle sirene che ci dicono che senza Dio si vive meglio, senza Dio c’è la morte, la desolazione, c’è una vita che non riesce a riscattare se stessa dal male e dalla cattiveria, c’è una vita disperata senza prospettive che è una maledizione per sé e per gli altri.

Non è necessario sperimentare questo, meglio saperlo e prendere un’altra strada: una vita nella quale si osservano i Comandamenti, una vita nella quale si prega, nella quale si praticano le virtù e nella quale si fa il bene.

Questa è la vita che ti dà pace e gioia, ti dà senso, ti dà motivazioni, si tratta di scoprire la bellezza e la grandezza della vita in Cristo.

Quando abbiamo la grazia di scoprire la bellezza e la grandezza della vita in Cristo,

diventiamo una benedizione per noi stessi e per gli altri.

La Madonna è sempre in sintonia con il tempo liturgico e ci dà la sua applicazione materna al nostro cammino di conversione.

Fonte: Trascrizione dall’originale audio ricavata dal sito: www.medjugorjeliguria.it

ALLA SCUOLA DI MARIA

Quando pregate, raccoglietevi, cercate di rimanere immobili, nella pace. Chiudete gli occhi oppure guardate la croce o un’immagine sacra. Durante la preghiera non gridate, piuttosto pregate con voce bassa, in modo che lo spirito sia più forte della vostra voce. Le vostre tensioni mettetele coscientemente nelle mani di Dio. Nulla deve disturbarvi. Anche le preoccupazioni e le distrazioni offritele a Gesù e non nascondete niente davanti a Lui.
QUESTA E’ LA VERA PREGHIERA DEL CUORE !”

(Messaggio al gruppo di preghiera di Medjugorje del 10 novembre 1984)

(Visitata 72 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *