Messaggi del 25

Commento di P. Livio al Messaggio a Marija del 25 febbraio 2024

Messaggio del 25 febbraio 2024
“Cari figli! Pregate e rinnovate il vostro cuore perché il bene che avete seminato porti frutto di gioia e di comunione con Dio. La zizzania ha preso molti cuori e sono diventati sterili. Perciò voi, figlioli, siate luce, amore e le mie mani estese in questo mondo che anela a Dio che è amore. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Commento di Padre Livio di Radio Maria al messaggio del 25 febbraio

Un messaggio bellissimo che vi consiglio di leggere più volte con calma.

Una volta la Madonna ha detto: “le Mie parole vi siano preziose”, sono messaggi evangelici, specialmente quello di oggi e quindi queste parole, con le quali evangelizza il mondo, sono preziose, cerchiamo di comprenderle nella preghiera con la grazia dello Spirito Santo e poi viverle, perché sono parole che ci guidano nella felicità spirituale.

Il messaggio ha il taglio particolare dei messaggi di Febbraio e Marzo in cui, in quasi tutti, fa riferimento alla stagione della Primavera: ”I fiori iniziano a sbucare, la natura lotta contro la morte, contro l’inverno, per ritrovare la vita”!

In questo messaggio fa riferimento alla semina del bene, fa riferimento anche alla semina della zizzania.

Quindi questo è il quadro del messaggio che è diviso in tre parti.

La prima parte è dedicata a quelli che seminano nel bene, la seconda parte al nemico che semina la zizzania, la terza parte invece è dedicata, come sempre nei messaggi della Regina della Pace, alla testimonianza.

La prima parte riguarda soprattutto quelli che dall’inizio della Quaresima si sono messi all’opera e quindi fanno quello che in genere fanno gli agricoltori: arano i campi e li preparano per la semina e poi seminano:

Cari figli, pregate e rinnovate il vostro cuore”.

Allora con l’inizio della Quaresima, in preparazione alla Pasqua, dobbiamo arare il nostro cuore, tirare via le erbe infestanti, zappare, tirar via i sassi e quindi, per quanto riguarda il nostro cuore, tagliare la testa a tanti vizi che abbiamo e che ci portano al peccato.

Rinnovare il nostro cuore, farlo nuovo, sanare le ferite, purificarlo, anche lavarlo, perché la Madonna a volte ha detto: ”Vi guardo e vedo i vostri cuori sudici”, sporchi di mondo, sporchi di male, sporchi di fango spirituale che è il peccato, “affinché il bene che avete seminato porti frutti di gioia e di comunione con Dio”. E poi seminare la parola di Dio, seminare i buoni pensieri, i buoni propositi; “pregate”, mettiamo la preghiera al primo posto! Sappiamo che in ogni messaggio della Madonna, in particolare nel tempo di Quaresima, abbiamo come esempio Gesù che ha pregato e digiunato per quaranta giorni e il rinnovamento sta con la parola digiuno, rinuncia.

La Madonna ci indica il centro sul quale dobbiamo lavorare, che non è tanto l’intelletto, è il cuore. È il cuore il centro spirituale dell’uomo, lì dovremmo aver seminato i semi di bene, i propositi di rinnovamento, i propositi di vita nuova affinché crescano e portino frutti di gioia.

Quando i nostri cuori sono pieni di rottami, pieni di cose sudice, di peccati, dobbiamo fare piazza pulita, prepariamo quel passaggio fondamentale che è la Confessione Pasquale e poi, liberati da tutti questi lacci, sentiamo il cuore pieno di gioia!

Tutto ciò che viene da Dio e tutto ciò che accende lo Spirito Santo, prenda possesso del nostro cuore.

Se abbiamo incominciato, andiamo avanti, se non abbiamo ancora incominciamo, incominciamo, in fondo la Quaresima è ancora all’inizio della seconda settimana!

Poi la seconda parte del messaggio che, a mio parere, è il cuore del messaggio stesso, una riga davvero “micidiale”: “La zizzania ha preso molti cuori e sono diventati sterili”, non producono più opere buone.

Ho notato che la Madonna, quando usa una parola che mai ha usato in 42 anni, in questo caso è la parola “zizzania”, così agganciata al Vangelo, vuol dire che c’è una situazione nuova che Lei vuole che emerga e che venga combattuta, è un pericolo per il quale Lei suona l’allarme.

Questo è un pericolo gravissimo e riguarda tutti, riguarda la Parrocchia di Medjugorje, riguarda la Chiesa, riguarda il mondo intero.

Ma che cos’è la zizzania? La zizzania, come dice l’enciclopedia, è una erbaccia infestante che distrugge le coltivazioni.

Proprio perché si tratta di una malerba, il suo nome è stato traslato in senso simbolico per indicare persone che volutamente provocano malignità, dissapori, liti,contrasti e discordia tra le altre persone.

Leggiamo la parabola della zizzania: Matteo 13,24-30.

Se la Madonna adesso ha usato la parola zizzania, è perché vuole significare una realtà molto concreta che Lei vede e che si sta espandendo e conquista i cuori e li rende sterili!

In mezzo al popolo di Dio circola la zizzania che sembra una spiga.

Una è la parabola di Gesù, l’altra è l’applicazione secca che fa la Madonna a qualcosa che Lei vede.

E guardiamo tutti a casa nostra, nel nostro cuore, nella nostra vita.

La terza parte: “Perciò voi, figlioli, siate luce”, testimoniate la verità, siate sinceri, trasparenti, non siate ingannevoli, non siate ipocriti, siate limpidi, dentro come fuori, “siate amore” non abbiate risentimenti di invidia, di gelosia, di cattiveria, di rivalsa, di superbia, di prepotenza, ma guardate al prossimo con gli occhi di Gesù e di Maria, “e siate le mie mani tese”, si tende la mano a uno che non riesce ad alzarsi, o che è caduto, si tende la mano a uno con cui vuoi camminare insieme, a cui vuoi fare compagnia per aiutarlo a camminare sulla via della Croce e tendi la mano a chi vuoi fare la carità, a chi ha bisogno.

In queste mani tese ci sono tutte le opere di misericordia, spirituali e corporali, “in questo mondo che anela a Dio che è amore”.

Voi sapete che molte volte la Madonna ha detto che l’umanità ha deciso per la morte, l’uomo moderno non vuole Dio e va verso la perdizione, però la Madonna ci ricorda che sotto la coltre del male di cui è prigioniero, molte volte c’è un cuore che batte, un cuore che può resuscitare e che risuscita se trova qualcuno che lo fa vibrare.

Chi è questo qualcuno che può far vibrare un cuore che è diventato di pietra, che è inquinato dal male, che è posseduto dal maligno?

Noi dobbiamo essere amore per questo cuore perché senta l’amore, perché senta la luce, dobbiamo essere gioia, perché senta la gioia.

Con l’avvicinarsi al tempo dei segreti la Madonna ci vuol far capire che se noi siamo saldi, fedeli, decisi nella perseveranza del bene, nella testimonianza di Dio e della Madonna, Lei ci fa sognare un mare di conversioni, perché il cuore umano anela a Dio, anela alla pace, anela all’amore, il cuore umano può cambiare.

Questa è una nota di ottimismo che motiva le nostre fatiche di apostolato, di qui l’esortazione a essere luce, amore, pace e benedizione per il mondo.

Noi portiamo noi stessi, se siamo pieni di Dio, portiamo Dio.

Questa è la bellezza straordinaria di questo messaggio ed è il cammino quaresimale: pregate e rinnovate il vostro cuore.

La zizzania all’interno della Chiesa la chiamo modernismo, perché nega il soprannaturale, nega l’intervento di Dio, nega l’intervento della Madonna.

Verrà il momento in cui tutte queste posizioni cadranno di fronte all’intervento salvifico che la Madonna farà per aiutare questo mondo a ritrovare la strada e la via che porta al tempo della pace.

Ringraziamo la Madonna per questo bellissimo messaggio e sentiamoci responsabili, facciamo un cammino di santità in questo tempo di Quaresima, ricordiamo che questo anno è l’Anno della Preghiera che ci porta al Giubileo del 2025, è un tempo di Dio, un tempo di grazia.

Rispondiamo alla chiamata, perché il mondo sarà salvato da Maria per mezzo della Chiesa, la Chiesa ha bisogno di un grande rinnovamento e di un grande rafforzamento a cui noi diamo il nostro contributo.

 “ Trascrizione dall’originale audio ricavata dal sito: www.medjugorjeliguria.it

(Visitata 17 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *