Articoli e video vari

L’intervista con Arcivescovo Henryk Hoser, visitatore apostolico di carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje

Eccellenza, grazie per l’opportunità di questa conversazione. Il mondo si è  fermato di fronte al coronavirus. Eccellenza, vede qualcosa di positivo, qualcosa di buono che può nascere da questo grande dramma?

L’epidemia ci ha sorpreso con la sua portata, ha una portata globale, quindi la chiamiamo una pandemia. A questo punto, ha toccato la maggior parte degli stati e la maggior parte delle società e allo stesso tempo ha causato la scomparsa della vita sociale ed economica. D’altra parte, i credenti sentono grandi restrizioni nell’accesso alle pratiche religiose pubbliche, semplicemente le chiese sono spesso inaccessibili, chiuse o ci sono delle regole – pochissimi credenti possono entrare in una chiesa. Inoltre, questa è una situazione mai vista, perché durante le catastrofi naturali o le guerre passate, le persone accorrevano nelle chiese, mentre ora ne sono private. Tuttavia, il rimanere a casa è una grande opportunità per le famiglie che non hanno avuto il tempo di stare insieme, perché l’occupazione dei genitori, la permanenza dei bambini nelle scuole, negli asili e negli asili nido, ha avuto di conseguenza una situazione in cui non c’erano relazioni familiaridifficili, i genitori non parlavano con i figli, i figli con i genitori, i fratelli si incontravano meno frequentemente, non c’erano pasti comuni e la preghiera comune nelle famiglie scompariva. Questo momento è un’opportunità per le famiglie di rinascere nella loro vita insieme ed è per questo che questotempoècompletamente unico per noi. Onestamente, oltre a tutte le descrizioni di questa situazione nelle statistiche dei contagiati, nelle statistiche dei malati, dei guariti, ecc., abbiamo anche lestatistiche riguardanti l’economia e le prospettive per il futuro, ma d’altra parte abbiamo un segno per il mondo intero. Questa è un’enorme umiliazione per coloro che sembravano governare il mondo, per coloro che hanno creato, oggi l’unica ideologia importante di questo mondo, e questa è l’ideologia del profitto, il profitto era l’obiettivo dell’intera economia mondiale, riguarda grandi impreseche dominavano i governi statali e i singoli paesi e tutto questo, per così dire, è crollato. Stiamo vivendo un grande rinnovamento spirituale, un rinnovamento spirituale che ci richiede di riflettere sul nostro modo di vivere, sul nostro stile di vita di consumatori, sulla civiltà della spazzatura che sta inondando il mondo intero e allo stesso tempo sulle idee che sono spazzatura. E queste idee non danno né un senso del significato né una prospettiva, torniamo alle basi stesse ed è davvero per i credenti in questo momento, un momento di riflessione quando l’accesso ai sacramenti è difficile e alcuni già bramanoi tempi in cui saranno in grado di ricevere i sacramenti. Tale è la situazione generale, una cosa simile sta accadendo nella nostra zona, a Medjugorje.

I pellegrini sono venuti a Medjugorje durante tutto l’anno. E ora possono ricevere il messaggio di Medjugorje solo nel cerchio della propria famiglia, nella parrocchia in piccoli gruppi. Sebbene abbiamo una trasmissione che è seguita da oltre 3 milioni di persone, si può dire che viviamo una nuova realtà spirituale a Medjugorje?

Medjugorje, soprattutto, sembra un deserto, nel senso che non ci sono persone per le strade, o pochissime, non ci sono tracce di pellegrini, e anche gli abitanti di Medjugorje, i nostri parrocchiani non hanno accesso alla chiesa a causa delle elevate esigenze di prevenzione sanitaria. Eppure queste sono famiglie unite, con diverse generazioniinconvivenza, che hanno ancora l’abitudine di pregare insieme, e soprattutto la pratica di pregare il rosario. D’altra parte, c’è la trasmissione a tutto il mondo di questa liturgia, tipica di Medjugorje: Santa Messa, Adorazione e quindi questo mantiene il legame tra Medjugorje e i pellegrini che hanno anche nostalgia di questo luogo e aspettano il momento in cui potranno tornare a Medjugorje.

Questa settimana, il 12 maggio, è trascorso un anno da quando Papa Francesco ha approvato i pellegrinaggi a Medjugorje. Come ricorda questo evento, grande per tutti noi?

È stata una grande gioia per tutti noi a Medjugorje e ricordo che abbiamo avuto il privilegio di annunciare al mondo questa dichiarazione della Santa Sede nella chiesa di Medjugorje, nella chiesa di San Giacomo l’Apostolo che è il protettore dei pellegrini, da lì è arrivata questa buona notizia. Vi ricorderò il contenuto di questa affermazione: non ci sono ostacoli nell’organizzazione di pellegrinaggi a Medjugorje a cui possono partecipare tutte le categorie di persone che compongono la Chiesa, a partire dalla gerarchia, la più alta gerarchia di cardinali, arcivescovi, vescovi, sacerdoti di tutto il mondo, ma anche persone che possono venire in questo luogo senza preoccupazioni, che è stato ulteriormente arricchito da questa Dichiarazione. Lì le persone trovano davvero ciò che hanno perso nella loro vita, ritrovano l’incontro con Qualcuno che li sta aspettando, e questo è Dio, cioè il Signore Gesù, questa è la Madre di Dio. È stata una grande gioia che si è diffusa in tutto il mondo, perché sottolinea il ruolo universale di questo santuario, che è visitato dai pellegrini di tutti i continenti, un santuario aperto all’universalità della Chiesa. Ne siamo lieti e questo dimostra anche il futuro di Medjugorje, che dovrebbe essere vissuto al ritmo del cuore della Chiesa universale.

Dal punto di vista dell’anno passato, come valuta questa decisione e i suoi frutti?

Questa decisione ha portato frutti visibili nell’aumento del numero di pellegrini e del numero di sacerdoti che li accompagnano, sono arrivati ​​anche alti funzionari della Chiesa, a partire dal Festival della Gioventù dell’anno scorso ed è durato fino allo scoppio di questa epidemia. Suppongo che, dopo l’epidemia, quando questa epidemia passerà, ci sarà un ritorno dei pellegrini in questo luogo, molto carismatico, perché è il luogo in cui risplende la luce del Vangelo, la luce di Cristo.

Questa settimana è ricca di contenuti mariani. Il 13 maggio è l’anniversario delle apparizioni di Fatima e dell’attentato al Giovanni Paolo II. Si ricorda di quel tragico giorno? Cosa stava succedendo allora, come l’ha saputo?

L’abbiamo saputo quando ero in missione in Ruanda. Questa è stata una tragica notizia che ci ha paralizzato in qualche modo. L’ho saputo dall’Arcivescovo André Perraudin, ci siamo incontrati in una parrocchia, lui, ricordo, è venuto a mezzogiorno e mi ha dato la notizia. Tutti abbiamo pregato per la salvezza di San Giovanni Paolo II. Le ore successive all’attentato, ci siamo seduti col fiato sospeso, rivivendo le sue esperienze drammatiche, la lotta per la sua vita all’ospedale Gemelli e infine la lenta, lunga e difficile riabilitazione, con complicazioni di accompagnamento, che ha portato al lento ritorno del Papa alle sue solite attività. Ma dal letto, dalla finestra dell’ospedale, già aveva benedetto coloro che stavano di fronte all’ospedale e hanno pregato per lui.

Lo stesso Giovanni Paolo II disse che la mano della Madonna guidava il proiettile di Ali Agca. Graziealla mano della Madonna che guidava il proiettile, lui sopravvisse. Il proiettile aggirò i suoi organi vitali e sopravvisse semplicemente.

Certo, lo stesso Santo Padre ha detto che la Madonna ha guidato questo proiettile che ha trapassato i suoi organi vitali, quindi oggi questo proiettile è nella corona della Madonna a Fatima, poiché il giorno dell’attentato era l’anniversario delle apparizioni di Fatima e il Santo Padre era un illustre Papa mariano, che mise nel suo motto episcopale: TotusTuus Maria, completamente tuo Maria. Per tutta la vita ha vissuto una profonda spiritualità mariana che ha portato da casa sua, che in seguito ha modellato lui stesso. Al lavoro nella cava, portava in tasca un opuscolo di Luigi Maria di Montfort sulla devozione alla Beata Vergine Maria, e in seguito, per tutta la sua vita, sottolineò e sviluppò la mariologia del XX secolo, nello spirito del Concilio Vaticano II e della Costituzione Lumen Gentium, Capitolo 8: questo è stato il punto di partenza di tutta la sua riflessione. Fu anche il successore del Papa mariano Paolo VI che era consapevole che la crisi postconciliare stava causando l’abbandono della pietà mariana come pietà popolare, che sembrava indegna degli intellettuali della Chiesa aperta e quindi il Santo Padre Paolo VI ha pubblicato 3 importanti documenti sul culto mariano, in particolare il “Marialis cultus” come base. Giovanni Paolo II fin dall’inizio si affidò a Maria e parlò costantemente di Lei, fece pellegrinaggi ai santuari di Maria, quindi il suo primo viaggio in Messico aveva lo scopo di visitare la Madonna di Guadalupe. E più tardi, durante tutto il suo pontificato, visitò centinaia di santuari mariani e, grazie a lui, l’immagine della Madre di Dio fu posta sulla facciata del Palazzo Apostolico ed è visibile da tutta la Piazza di San Pietro. Ciò dimostra anche l’affetto di Giovanni Paolo II verso la Beata Vergine Maria.

Il Pontificato di San Giovanni Paolo II era inun’epoca in cui la devozione alla Madre di Dio si stava sviluppando a Medjugorje. Eccellenza, conosce l’opinione di Giovanni Paolo II su ciò che stava accadendo a Medjugorje, sulla devozione alla Madre di Dio?

Giovanni Paolo II è stato fin dall’inizio propenso e interessato agli eventi di Medjugorje che stiamo scoprendo oggi, perché il culto mariano che stiamo sviluppando è una devozione alla Regina della Pace che ha radici profonde nelle apparizioni di Fatima. Oggi le ricordiamo, nell’anniversario delle prime apparizioni, che si sono svolte nella cosiddetta Valle di Pace nel 1917, e 8 giorni dopo Papa Benedetto XV introdusse l’invocazione Regina della Pace nelle litanie lauretane. Queste apparizioni hanno protetto il nostro futuro dai conflitti, chiedendo la conversione, e la conversione ci introduce nella pace tra l’uomo e Dio, questo è la conversione – la pace di Dio nel cuore dell’uomo. Perché prima l’inquietudine risiede in ognuno di noi e fa sì che quell’inquietudine si irradi in modo negativo in ciò che ci circonda. Fino a quando non ci riconciliamo con Dio, avremo grandi difficoltà con il prossimo per qualsiasi tipo di riconciliazione, per poter vivere con gli altri come con fratelli e figli dello stesso Dio.

Se stiamo parlando di Fatima, devo chiederle una cosa che a volte turba le persone. Conosciamo tutte le apparizioni di Fatima? Erano pubblicate da qualche parte, sappiamo che cosa la Madre di Dio voleva comunicarci?

Penso che il mistero sia qualcosa che scopriamo sempre soltanto parzialmente, non abbiamo alcuna certezza assoluta in quell’area, ma ciò che è stato pubblicato più o meno mostra il significato di queste apparizioni e il loro bisogno per il mondo di oggi, perché queste apparizioni avvengono in una prospettiva apocalittica cioènel futuro e nella costante lotta tra il bene e il male, la costante lotta per il dominio di Cristo, in modo che il suo avversario, il sovrano di questo mondo, non sarà più visibile.

Ritorniamo a Medjugorje. Numerosi pellegrini si chiedono se potranno partecipare al Festival dei giovani e ad altri importanti eventi religiosi che si tengono a Medjugorje?

Desideriamo tutti il ​​Festival dei giovani, perché è stato l’evento più importante dell’intero anno liturgico di Medjugorje, ma ovviamente dipendiamo dalla situazione epidemiologica. Se rimane, quest’anno, sfortunatamente, ci sarà solo un incontro virtuale con Medjugorje, ma non reale, fisico, in modo che le persone possano venire, perché non solo i confini sono chiusi ma anche il trasporto non funziona, quindi non ci sono nemmeno le condizioni per poter venire lì e quindi molto probabilmente il Festival dei giovani non ci sarà quest’anno.

Eccellenza, quando sarà possibile prendere una decisione definitiva sullo svolgimento del Festival dei giovani?

Forse alla fine di giugno, perché abbiamo bisogno ditempo per prepararci, non solo sul posto nell’organizzazione del Festival, ma anche per ipellegrini per poter ottenere tutti i documenti necessari, i mezzi di trasporto, ecc.per poter venire a Medjugorje.

Il Suo messaggio a tutti i nostri spettatori, pellegrini di Medjugorje, amici di questo luogo. Eccellenza, cosa desidera dire loro alla fine di questo incontro?

Cari amici di Medjugorje, cari pellegrini, cari parrocchiani, mi rivolgo a voi con una grande richiesta di vivere nello spirito di speranza, perché Medjugorje ha il compito di risvegliare la speranza nelle persone, la speranza teologica, la speranza di Dio, il che significa che Dio è sempre Colui che ci guida con grande con amore e misericordia, per inviarci la Madre di Dio affinché Lei ci conduca  a Dio. Lei ci mostra sempre Gesù, come sta accadendo a Medjugorje, e vi prego di essere veramente i seminatori della pace, della fiducia e della vicinanza di Dio che non ci lascia in questi momenti. Guardatele vostre vigne, gli oliveti, essi ci ricordano la Terra Santa, dove era Gesù e dove viveva. E Lui continua a camminare con noi attraverso i secoli, inviandoci sua Madre per proteggerci, per essere la protettrice della nostra pace interiore, familiare e sociale. Pertanto, continueremo a essere uniti attraverso i media che sono costantemente attivi oggi, in modo da poter essere spiritualmente in comunione con Medjugorje, pregando per il momento in cui ci incontreremo di nuovo e ringrazieremo Dio per tutti i doni che abbiamo ricevuto. Sia lodato Gesù Cristo.

Fonte: Parrocchia di Medjugorje

(Visitata 19 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *