Articoli e video vari

Celebrazione solenne del 40° Anniversario delle apparizioni della Madonna a Medjugorje

Il 25 giugno 2021, a Medjugorje è stato solennemente celebrato il 40° Anniversario delle apparizioni della Madonna. La Santa Messa è stata presieduta da P. Miljenko Šteko, Provinciale della Provincia Francescana dell’Erzegovina. Hanno concelebrato 358 sacerdoti, un numero record di sacerdoti alla Santa Messa per un Anniversario delle apparizioni, che ha visto la partecipazione di un gran numero di fedeli.

“Cari fratelli e sorelle, cari figli della Madonna, buon 40° Anniversario di grazia! Vi porgo le congratulazioni per questo Anniversario da Sua Eccellenza Henryk Hoser, Visitatore Apostolico per la Parrocchia di Medjugorje. Dopo essere stato in ospedale per il coronavirus, è uscito, sta recuperando bene la sua salute e dice di aver offerto tutto il suo dolore al Signore per Medjugorje. I grandi anniversari, i compleanni, vengono regolarmente contrassegnati con un regalo. Cosa è maturato in noi in questi 40 anni e cosa abbiamo portato in dono alla Madonna? Camminando davanti alla statua della Madonna. in processione, ho visto tante lacrime nei vostri occhi… Ecco, doniamo quelle… Doniamo tutto ciò che avete portato con voi, tutte le vostre ferite, dolori… diamo tutto alla Madonna, sia le nostre debolezze che i nostri peccati. Possa Lei intercedere per noi. Offriamo tutti i malati che si sono raccomandati alle nostre preghiere e tutti coloro che a causa di questa pandemia non hanno potuto essere fisicamente con noi e ora lo sono spiritualmente. Li raccomandiamo tutti”, ha detto padre Miljenko Šteko all’inizio della Messa, che è stata preceduta da una processione con la statua della Madonna.

Nella sua omelia, dopo aver ricordato gli eventi di quattro decenni fa, padre Miljenko Šteko ha detto che “con la massima cura, raccogliendo i frutti di tutte le grazie che Dio, buono e misericordioso, ha riversato su di noi qui, gridiamo con umiltà e semplicità di cuore stasera con il salmista: ‘Quanto è prezioso il tuo amore, o Dio! È in te la sorgente della vita, alla tua luce vediamo la luce. Riversa il tuo amore su chi ti riconosce (cfr Sal 36)’. Questa sera a Medjugorje, pieni di gratitudine, benediciamo il Padre e il Figlio con lo Spirito Santo! E  ringraziamo la Madonna, la Beata Vergine Maria, nostra Madre per questa storia di grazia.”

”Grazie, Regina della Pace, perché sopra le spine in questa terra di pietra hai impresso tutto il tuo amore nelle nostre vite, ci hai abbracciato con il tuo abbraccio celeste e ci hai dato il calore del Tuo cuore materno! Grazie per ogni sensazione di pace quando siamo venuti dalla vita frenetica di tutti i giorni davanti alla Tua statua e ci siamo fermati. Ci fermiamo e giungiamo le mani, grati che tu abbia posto la Tua mano su questo nostro popolo afflitto e l’abbia abbracciato con la Tua gentilezza e misericordia. Il popolo che per secoli ti ha salutato nell’Angelus e ti salutava all’alba, a mezzogiorno e al tramonto, sentendo Te, nostra Madre, come scrive un poeta ‘una creatura nel suo onore e nella propria  fioritura finale, che usciva da Dio all’alba del suo splendore originario’ ”, ha detto padre Miljenko Šteko, spiegando che “da quattro decenni, ormai, da questo luogo nascono inviti alla preghiera, alla vita sacramentale, alla penitenza e alla conversione per l’umanità che vive in uno stato difficile, estremamente pericoloso causato dai peccati dell’umanità”.

“A un’umanità che ha trasceso ogni misura insultando Dio e i santi e portando anime umane a satana, questa voce profetica di Medjugorje invita instancabilmente alla conversione, unendosi a quell’antico grido di Isaia: ‘Cessate di fare il male, imparate a fare il bene,
cercate la giustizia’ (Is, 1, 16-17). È una chiamata a un mondo che si è impigliato nella sua dimensione orizzontale e ha perso la sua dimensione verticale, la propria direzione verso Dio. Una chiamata a un mondo che vive praticamente come se Dio non esistesse, un mondo che si avvia verso l’orlo dell’abisso della propria incredulità”, ha detto padre Miljenko nella sua omelia, aggiungendo che c’è una ragione speciale per cui Dio ci invia proprio la Beata Vergine Maria in questo viaggio storico sulla Terra.

”Le intercessioni di Maria nella storia sono sempre legate ai suoi ruoli materni. Sappiamo che è dovere di tutti i genitori fare tutto ciò che è in loro potere per far nascere i propri figli anche per il Cielo, perché li hanno dati alla luce con la potenza e la grazia di Dio. Solo questo è il vero completamento della generazione dei figli. I genitori che non fanno questo non hanno fatto molto per il loro figlio, anche se gli hanno dato tutto il resto. Oggi è il 40° Anniversario della cura persistente della Madonna per questo luogo e dei suoi messaggi da questo posto al mondo intero.

Non va dimenticato che abbiamo, come duraturo ricordo dell’Antico Testamento, che gli individui tra il popolo eletto, nel cammino di quarant’anni attraverso il deserto, hanno rivolto il loro cuore e la loro faccia verso l’Egitto, mormorando e desiderando, dopo tutto e  nonostante tutto, un loro vitello d’oro”. Padre Miljenko Šteko ha parlato del simbolismo biblico del numero 40 dicendo che: “senza dubbio, alcune persone sono sempre inclini a lasciare la via della santità e rivolgersi al vitello d’oro e questo mondo oggi offre un gran numero di vitelli per il culto”.

”E la Madonna è ancora qui per guardare i Suoi figli. È in attesa. Nel suo splendore e semplicità attende e prega per i Suoi figli. Aspetta che vedano col cuore e lo riempiano con la bontà e la grazia originali di Dio. La Madonna è “insieme a Suo Figlio l’icona più perfetta della libertà e della liberazione dell’umanità e dell’universo. La Chiesa deve guardare Lei per comprendere appieno il senso della propria missione». (CDF, ​​Libertatis conscientia, 22 marzo 1986, n. 97). O Madre e Regina della Pace, nel palmo della nostra fedeltà e infedeltà ti doniamo stasera i nostri cuori. E Ti chiediamo: rendi i nostri cuori come il Tuo cuore e il cuore del Tuo Figlio! Amen.”

Prima della Santa Messa, per la prima volta quest’anno, dalla Collina delle Apparizioni alla Chiesa di S. Giacomo si è svolta una processione alla quale  hanno partecipato molti pellegrini da tutto il mondo, parrocchiani di Medjugorje e dei luoghi circostanti.

Il parroco di Medjugorje, padre Marinko Šakota, ha affermato che questa processione che parte dalla statua della Madonna per giungere alla chiesa è simbolica: “la Madonna ci conduce a Gesù”. “La Madonna in tutto ciò che fa qui ci porta a Gesù, ci conduce all’Eucaristia”, ha detto il parroco, che ha guidato questa processione.

“Questo è il miracolo di Medjugorje. Qualcuno sta ancora cercando qualcosa di soprannaturale, ma questo è un miracolo grande. Tutto il mondo è in preda al panico e alla paura per questa pandemia, ma questo qui è qualcosa di magnifico ”, ha detto suor Marina Ivanković, nativa di questa parrocchia, entusiasta del numero di pellegrini nella processione di oggi.

Fonte: Parrocchia Medjugorje

(Visitata 3 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *