Uncategorized

In questo giorno, è nato uno dei più grandi figli dell’Erzegovina

P. DIDAK BUNTIĆ alla sorgente di Lištica

P. Didak Buntić ha sostenuto l’alfabetizzazione del popolo in Erzegovina alla fine del 19 ° e all’inizio del 20 ° secolo. Ha lavorato a Siroki Brijeg, dove ha insegnato al ginnasio, ma si è anche occupato delle scuole della zona, dove ha introdotto un metodo specifico di diffusione dell’alfabetizzazione in cui i membri del popolo hanno trasmesso le loro conoscenze dopo averle acquisite a scuola. Il merito più famoso di P. Didak fu quello di salvare la popolazione dell’Erzegovina dalla fame durante la prima guerra mondiale.

In questo giorno del 1871 nacque il più grande figlio dell’Erzegovina, P. Didak Buntić.

Biografia di Fra Didak Buntic (1871-1922) – Padre dei poveri ed educatore nazionale

Nascita – infanzia – scolarità

Franjo Buntić è nato a Dragićina, parrocchia di Čerin un piccolo villaggio dell’Erzegovina Paoči, il 9 ottobre 1871 – figlio di Mijo Buntić e Matija R. Stojić.

Rimasto senza padre Mijo molto presto, sua madre Matija e gli zii si prendono cura della sua educazione, dai quali riceve le prime lezioni di lettura e scrittura. Il bambino fu riconosciuto assai dotato dai frati che prestavano servizio nella sua parrocchia natale e nel 1883, dopo un anno di scuola elementare, fu inviato al liceo di Široki Brijeg, che frequentò fino al 1885, quando si trasferì a Humac, dove continuò la sua educazione nell’Ordine Francescano.

Entrò nell’Ordine Francescano il 18 febbraio 1888 e prese il nome religioso di Didak. È la scelta di questo nome religioso che suggerisce come padre Didak, in gioventù, avesse una visione chiara della sua missione tra il suo popolo che aveva bisogno di una persona che lo tirasse fuori dall’oscurità e dall’ignoranza. Dopo il noviziato si recò a Innsbruck, dove studiò filosofia e teologia al Collegio dei Gesuiti “Cannisianum”, e al termine degli studi studiò anche filologia classica. Fu ordinato sacerdote nel 1894 e completò gli studi nel 1895.

Motore dello sviluppo economico dell’Erzegovina

Conosceva tutti i bisogni spirituali e materiali delle persone, nonché la situazione culturale ed economica, così si prese l’impegno, fin dalla tenera età, di cercare di realizzare questo progetto. Buntić era un uomo di grandi vedute, quindi vide che un popolo così primitivo doveva soffrire e, come santo patrono dei poveri, si impegnò in un programma di vita: l’ascesa dei contadini. (M. Matijević)

Padre Didak amava immensamente il suo popolo e credeva nelle loro capacità come nessun altro. Ha sensibilizzato la gente sulle proprie capacità cercando di cambiare la mentalità delle persone fino ad allora oppresse e depresse. Ha parlato con orgoglio del suo paese e delle sue ricchezze:

Anche se ce ne sono pochi, non c’è paese più fertile e benedetto da Dio, come l’Erzegovina. Basta non lasciarla nella fame o nella sete, neppure Misir (l’Egitto) può competere con lei.”

P. Didak sapeva benissimo che le cause principali della pessima situazione economica in Erzegovina erano tuttavia nella negligenza e nello sfruttamento da parte delle autorità straniere, motivo per cui non permise che si diffondesse la voce sull’Erzegovina come un Paese povero: “Il mondo parla e dice che l’Erzegovina è un paese povero. Io, al contrario, sostengo che non è così. L’Erzegovina è l’Egitto, ma a causa delle azioni spietate del governo, che sfrutta questo nostro bel Paese e lo distrugge causando male a Dio, è diventato povero. I prodotti forniti dall’Erzegovina sono semplicemente meravigliosi e di prima classe, e le autorità hanno preso il monopolio su di loro, e così, con una piccola tassa al contadino, guadagnano somme orribili su di loro. Beh, questo mi fa male, dobbiamo tutti opporci a questo. Perché se ci pagassero equamente per i nostri sforzi, non ci sarebbero poveri in Erzegovina! ”

P. Didak insorse contro l’atteggiamento ingiusto dell’allora governo austro-ungarico nei confronti dell’Erzegovina e della sua economia. Come espressione della sua insoddisfazione, padre Didak scrisse un Memorandum al ministro austro-ungarico Burian a Široki Brijeg il 20 novembre 1909 e glielo consegnò a Vienna il 26 novembre dello stesso anno. Ciò mostra al meglio ciò che padre Didak intendeva fare nel campo dell’economia così come in altri settori, in cosa era impegnato e quali difficoltà incontrava nel suo lavoro. Il memorandum di Didak inizia con le parole:

“Vostra Eccellenza, Ministro! Questo monumento ti è dedicato dal popolo cattolico dell’Erzegovina come un mazzo di fiori, in cui non troverai rose belle e profumate, ma tanto più amaro assenzio e elleboro. Ci chiediamo: dov’è il tanto citato lavoro di civiltà dell’amministrazione durante questi 30 anni?! Ce n’è uno, ovviamente, non possiamo negarlo. Ma tutto si concentra nella capitale e intorno alle ferrovie, dove la strategia e gli interessi degli stranieri lo richiedono. C’è lavoro, c’è progresso, c’è lusso, che fa contrasto sgradevole e spiacevole con i villaggi abbandonati e la popolazione rurale, che si è creata solo perché paga le tasse e serve quegli interessi. È un campo: sempre falciato, mai concimato; una mucca munta e mai nutrita. Questo tipo di lavoro dell’amministrazione potrebbe essere chiamato sfruttamento piuttosto che civiltà”.

P. Didak presta particolare attenzione e cura alla coltivazione del tabacco, che può portare l’Erzegovina fuori dalla povertà economica, motivo per cui sta facendo ogni sforzo per costruire un ufficio di commercio del tabacco a Siroki Brijeg. Nello stesso Memorandum al Ministro Burijan P. Didak sostiene un più positivo atteggiamento dello Stato nei confronti della questione del tabacco e di altre industrie in Erzegovina.

La questione del tabacco è una questione di vita per un erzegovinese, una questione di pane, una questione di sopravvivenza. Il tabacco è stato il suo primo e principale prodotto, il suo unico reddito, monopolizzato subito dopo l’occupazione, particolarmente difficile per lo sfortunato agricoltore. Stiamo piangendo e piagnucolando per questa ingiustizia, signor ministro, si sente al cielo, ma lei non ci sente o forse non tiene a noi. È giusto, Eccellenza, Ministro, che noi coltivatori di tabacco, che siamo solo un ventesimo della popolazione della Bosnia-Erzegovina, dobbiamo contribuire per più di un decimo dell’intero gettito statale, in tasse e tabacco? Si dirà, signor ministro, che nessuno è obbligato a coltivare tabacco. Rispondiamo a questo: gli erzegovini o muoiono o si spostano o piantano tabacco, non abbiamo scelta. 

Dal Comitato della HNZ (Unione Nazionale Croata), che fondò a Široki Brijeg nel 1908 e di cui fu presidente, padre Didak creò un’organizzazione molto operosa che attraverso un lavoro sistematico promuove una nuova mentalità nel paese fino ad allora molto arretrato e povera gente. Il suo impegno personale è stato la chiave di tutto. Con il suo esempio, incoraggiò il miglioramento delle condizioni di vita dei contadini dell’Erzegovina insegnando loro un’economia più razionale. Così, insegnò personalmente l’innesto di nobili varietà di frutta, procurò piantine e le distribuì ai contadini della regione di Široki Brijeg, e poi in tutta l’Erzegovina. Inoltre, Didak lavorò per migliorare la viticoltura, a quel tempo il ramo principale dell’economia. Promosse la piantagione di olivi, salici e cocomeri. Incoraggiò l’apicoltura. Lavorò per migliorare la zootecnia. Promosse l’imboschimento di zone prive di vegetazione. Sostenne la bonifica dei campi, il percorso di nuove strade e l’espansione della rete postale e telefonica, la costruzione di un ufficio per il commercio del tabacco a Siroki Brijeg.

Alfabetizzazione

“Tu dici che la scuola non è necessaria per le donne: ma io ti dico che attribuisco grande importanza al fatto che le nostre donne siano educate così come gli uomini, perché la misura dell’educazione di ogni singolo popolo è l’educazione delle proprie mogli e sulla base del grado di educazione delle proprie mogli, così è quello del resto dei parenti. Il nostro proverbio non dice che tre angoli della casa stanno su una donna e un quarto su un uomo? Inoltre, sai che la madre è il primo e unico motivo della tua nascita, che nessuno tranne Dio può sostituire, e cosa insegnerà la madre ai suoi figli e ai suoi studenti più cari, se lei stessa è una ignorante?”

Questi secoli di dominazione turca, hanno lasciato devastazioni in molte zone, soprattutto nel campo della cultura e dell’istruzione. Mentre altre regioni e paesi circostanti si stanno sviluppando in modo inarrestabile, l’Erzegovina rimane dimenticata e trascurata. Cosa si può fare in una situazione del genere? E qualcosa deve essere fatto. Tuttavia, da dove e come iniziare?

La situazione dell’alfabetizzazione nella regione all’epoca era al livello più basso possibile. Per i 112.000 croati dell’Erzegovina, c’erano solo dieci scuole primarie, e queste erano quelle che l’Austria ereditò dai frati dell’era turca. Queste scuole accettavano solo bambini dai 7 ai 12 anni. Ciò significava che oltre l’80% della popolazione dell’Erzegovina era analfabeta. Tutto questo si vede meglio nell’esempio della parrocchia di Široki Brijeg: su 8.000 anime, appena 300 erano alfabetizzate.

Un uomo che non sa leggere e scrivere è al buio, è cieco. Puoi portare i ciechi dove vuoi. Puoi manipolare, sfruttare e sfruttare gli analfabeti, che è esattamente quello che hanno fatto i vari conquistatori e le loro autorità, che sono cambiati nel corso della storia dell’Erzegovina. Hanno preso il meglio che l’Erzegovina aveva in sé e non hanno investito quasi nulla in essa. A causa della mancanza di istruzione, la gente dell’Erzegovina non poteva fare altro che lavorare sodo e andare nell’esercito. In tale situazione, tuttavia, nessun progresso può essere pensato.

Cercò una cura per questa situazione e la trovò nelle cosiddette scuole contadine o corsi di analfabetismo. Ebbe l’idea che l’alfabetizzazione avrebbe dovuto essere diffusa in grande stile. Queste scuole sono state di grande utilità per la popolazione, perché con il loro metodo originale hanno ottenuto un successo incredibile.

Partendo da un semplice punto di vista, che ognuno è in grado di insegnare all’altro, come sa, P. Didak decise di affidare la formazione nei villaggi ai contadini stessi, più alfabetizzati e dotati di altri. Per cominciare, organizzò un gruppo di circa 20 insegnanti contadini. Di questi, quattro avevano solo 12 anni e il più vecchio ne aveva 56. Il primo anno (1911) andò forte per il bene della sfiducia popolare nei confronti di questo e di qualsiasi altra novità. Didak scrive della grande lotta:

“Era, infatti, combattere contro l’ignoranza e molti pregiudizi nella gente. Quindi la scuola stava solo rovinando i giovani. Quindi essendo un tempo di guerra, ecco perché nel verbale si inseriscono scuole e nomi, e soprattutto tutte quelle donne e ragazze che sanno leggere e scrivere, e che dovranno andare a servire i soldati feriti e malati. Inoltre, l’alfabetizzazione è valida per gli uomini, ma per quanto riguarda l’alfabetizzazione delle donne?”

La grande sfiducia e resistenza tra la gente era alimentata dall’idea di Didak che anche le donne dovessero andare a scuola. Ciò, tuttavia, non poteva farlo desistere dal raggiungere il suo obiettivo. Per incoraggiare le ragazze ad essere più determinate sulla loro alfabetizzazione, padre Didak applicò la disposizione di Papa Pio X, che, tra l’altro, richiede che sia la sposa che lo sposo siano alfabetizzati, poiché dopo il matrimonio gli sposi devono firmare il contratto di matrimonio di propria mano. Tuttavia, per poter firmare, e quindi sposarsi, dovevano saper leggere e scrivere. Questo è stato indubbiamente molto efficace, perché P. Didak scrive: “Queste parole decisive non hanno mancato il loro obiettivo. Lo si evince dal fatto che il numero delle studentesse è quasi preponderante rispetto agli studenti maschi».

All’inizio del secondo anno(1912) furono aperte 5 scuole contadine nelle vicinanze di Široki Brijeg e in autunno ne erano già sorte altre 18 nuove. Nel 1913 fu organizzata un’organizzazione nelle parrocchie vicine: Kočerin, Rasna e Gradnići. Nel 1915 furono istituite scuole a Goranci e Mostarski Graz, e nel 1916 iniziarono ad operare nelle parrocchie di Humac, Studenci, Vitina, Gorica, Drinovci, Posušje e Posuški Gradac.

Ogni anno, di solito a Pentecoste, P. Didak organizzava degli esami pubblici davanti alla chiesa di Široki Brijeg, a cui partecipavano il Vescovo di Mostar, il Provinciale e personalità di spicco della politica e della cultura.

Le scuole contadine di Didak erano a volte essiccatoi di tabacco, dove il tabacco si asciugava in estate e le lezioni si tenevano in inverno; molto spesso si tenevano lezioni all’aperto. Non c’erano panchine in queste scuole, ma il più delle volte si sedevano a terra e il tavolo e l’uovo di Pasqua si appoggiavano su qualche tavola o sulle ginocchia. Tuttavia, in ogni scuola c’era una lavagna e una mappa della Monarchia. E questi “studenti” non hanno solo imparato a leggere e scrivere.

Importanti furono anche le prime intuizioni del progetto, le prime indicazioni sull’economia, lo sviluppo dell’idea della patria e della coscienza nazionale e l’orgoglio contadino. Molti di loro si sono abbonati alle pubblicazioni della Società di San Girolamo. Queste scuole non avevano nemmeno la centesima parte di quello che hanno le scuole normali, ma avevano la cosa più importante: un forte desiderio degli studenti di imparare, quindi si sottomettevano alla disciplina scolastica e rispettavano il loro maestro anche se era un ragazzino.

Nel suo Rapporto, lo stesso P. Didak ha scritto del suo metodo di formazione:
“Era necessario lavorare un po’ più audacemente, trovare una nuova via e mezzi, per aumentare e migliorare questo piccolo numero di persone alfabetizzate. Questi due pensieri ci hanno mostrato la strada per questo modo molto riuscito e provato:

1. che ognuno è in grado di imparare dall’altro ciò che lui stesso sa.

2. che le persone – le masse – devono essere attratte il più possibile e abituate alla partecipazione e alla partecipazione più attiva al lavoro intorno alla propria educazione e progresso se vuole ottenere un successo significativo in questo senso, e non aspettare sempre a braccia conserte solo il governo o chi lo fa.

A tal fine, alla vigilia dell’Assemblea generale (nel 1910), ordinai ad ogni villaggio, oltre ai consiglieri, di cercare e selezionare un’altra persona onesta, onesta e più abile nel leggere e nello scrivere, che il presidente avrebbe esaminato , istruito e confermato come insegnante di villaggio.”

Salvare i bambini affamati dall’Erzegovina

È la metà del secondo decennio del Novecento. Anni di apocalisse stanno arrivando per l’Erzegovina! La prima guerra mondiale, quel “mattatoio dell’umanità”, ha un prezzo terribile. I migliori figli dell’Erzegovina perderanno la vita in questa folle festa in tutta la monarchia. Uomini capaci di lavorare, in alcune parti dell’Erzegovina fino al 20% della popolazione totale, sono andati a combattere per la politica estera e il potere. P. Didak lo ha testimoniato in una lettera al capo del governo provinciale, il generale Sarkotić, datata 8 novembre 1916:

“Non c’è un solo villaggio nel nostro paese, Eccellenza, non un solo comune, che non sia stato messo sotto tiro per il 10% dell’intera popolazione. E ce ne sono tanti, che sono il 15 o addirittura il 20%, quindi hanno mandato in guerra tutta la loro forza lavoro maschile”.

A casa, quindi, restavano donne, bambini e anziani che andavano a coltivare la terra. Se a ciò si aggiungono requisizioni, cattive appropriazioni statali e altre decisioni di natura politica, pessime per l’Erzegovina, è comprensibile il dramma che l’Erzegovina stava vivendo in quei tempi.

Nel 1916, l’Erzegovina fu duramente colpita dalla siccità. Niente era più facile, anzi, molto più difficile nel 1917: dal 9 aprile al 7 ottobre non pioveva e l’estate, a causa dei venti caldi da sud, era insopportabilmente calda. Tutta l’erba e le piantagioni si prosciugarono. Un nuovo guaio sta arrivando all’orizzonte del destino: LA FAME! Si diffuse come sabbie mobili e inghiottì sempre più vite umane. In quella grande ondata di morte, i più deboli erano i più deboli: i bambini.

E quando sembrava che un destino malvagio avrebbe devastato l’Erzegovina, il “Mosè dell’Erzegovina” padre Didak si alzò, disperato per l’amaro destino del suo popolo, ma allo stesso tempo ribelle e determinato a difendere ad ogni costo la vita in una provincia dimenticata, dove decine di migliaia pendevano ad un filo sottile. Nella sua lettera del 26 gennaio 1917, a proposito dei giorni amari e della situazione quasi disperata in cui cadde il popolo dell’Erzegovina, padre Didak scrisse al generale austro-ungarico Sarkotić, capo del governo provinciale di Sarajevo:

“Il mio cuore si spezza, troppo esaltato, signore, guardando con i miei occhi queste scene sgradevoli, queste persone pallide e mute per la fame, debolezza nello spavento dell’uomo senza nemmeno sapere come aiutarli. Vecchi languidi, donne deluse, bambini intorpiditi che aspettano per giorni quel chilo di grano e non lo capiscono, ma barcollano per le case. Hanno mangiato i semi molto tempo fa, mangiato per vivere ajvan, verdure, radici ed erba verde …!”

P. Didak scrive dei primi giorni amari della prima metà del 1917 al suo amico e socio Ivan Sušac, un insegnante a Banja Luka in una lettera datata 7 aprile 1917:

“Mio caro Ivan, ci sono vittime ovunque a Buhovo, Hrasno, Mamići, Turčinovići, Mokro. Una mattina hanno trovato la loro figlia, una donna ancora incinta, e un uomo che stavano morendo di fame. Centinaia di loro giacciono gonfie e non possono alzarsi in piedi, specialmente i bambini. E se non c’è aiuto da parte di Dio e di persone buone, o alcuna provvidenza di Dio, io ti dico che centinaia di loro cadranno e moriranno”.

P. Didak ha detto al generale Sarkotić che in Erzegovina “c’è miseria e fame a causa delle malattie: tifo, dissenteria (diarrea), esaurimento fisico, incredibile morte di bambini e anziani, perché gran parte della gente non mangia cibo per gli uomini, ma cibo per animali. Com’è orribile guardare tutto questocon i propri occhi, non si può avere la più pallida idea per chi non l’abbia visto”.

Non c’era parrocchia che la morte non abbia visitato. A causa dalla fame, la morte ha falciato tutto davanti a lei.

Parte della lettera di Didak al governatore generale Sarkotić: “Se le cose stanno così, prego e giuro sul il Dio vivente che se Vostra Eccellenza non può ristabilire la nostra pace, se non abbiamo pane, e non ci vengono fornite alcune vecchie navi per spingerci attraverso il mare Adriatico e lasciare un destino incerto per sfuggire a questa terribile morte che sicuramente ci attende, io personalmente la condividerò e navigherò verso quella terra dove si sente la voce di Dio e il Vangelo della pace e la giustizia per tutte le nazioni piccole e grandi. Se cadiamo nelle mani del nemico, penso che troveremo misericordia anche lì, dove nostro stato non ci aiuterà e non potrà aiutarci. Morituri Te salutant! (Coloro che devono morire ti salutano!)”

P. Srećko Škorput, parroco della parrocchia di Drinovci, dove 74 persone sono morte di fame, scrive: “Come in autunno quando le foglie cadono dalla montagna, così queste persone muoiono di fame. Siamo quasi una nazione allo sbando. Questi sono tormenti terribili… La corteccia d’acero e le pigne, cioè i semi di spine selvatiche, vengono macinati e mangiati. La gente non può nemmeno uscire di casa a causa della fame».

Cosa fare in una situazione così disperata? C’erano funzionari senza cuore, che dicevano: “Cosa significa se molte persone muoiono di fame a casa quando così tante muoiono al fronte?”. P. Didak stava cercando soluzioni possibili quasi contemporaneamente in più direzioni. Dapprima aprì una cucina per i poveri a Široki Brijeg, dove gli succedettero altri frati dell’Erzegovina.

Poi va a bussare insistentemente alle porte delle autorità di Mostar, Sarajevo e Vienna, avvertendole della catastrofica situazione in Erzegovina e chiedendo il loro aiuto alimentare:

“Non si può vivere così, Onnipotente Signore. Voglio dire, fare il mio dovere sia verso il popolo che verso lo Stato, quando avverto in anticipo coloro a cui il popolo appartiene. La mia intenzione non è e non può essere quella di spaccare la testa a nessuno, di causare guai e disagi a nessuno, ma solamente di non rendere infelice il nostro popolo, di tenere in vita il nostro contadino laborioso.

fra-didak-buntic
P. Didak Buntić

Tanto meno, come ho detto, non chiedo loro di vivere, ma solo di non morire”. Così, in una lettera al capo del distretto di Mostar, padre Didak sta combattendo freneticamente per la sua gente in pericolo. P. Didak andò alla corte imperiale di Vienna, dove portò sette tipi di pane dell’Erzegovina: fieno, mais con crusca, karishik, miglio, shilt, cortecce degli alberi, in modo che l’imperatore possa vedere ciò che era rimasto come cibo a questo popolo.

Non avendo ricevuto l’aiuto atteso dalla corte viennese, P. Didak ha nuovamente indirizzato una lettera al Governatore Provinciale Sarkotić, in cui erano visibili la sua disperazione e la sua delusione. Alla fine, chiede a un amico in Croazia una via d’uscita da un vicolo cieco. Rendendosi conto di non avere alcun aiuto dal governo e non vedendo ostacoli, insieme ai suoi amici croati e del dott. Josip Šilović, presidente del Comitato nazionale centrale per la protezione delle famiglie dei soldati mobilitati e uccisi nella guerra nei regni di Croazia e Slavonia, e il dott. Đuro Basariček et al. Ise Kršnjavi furono assai importanti per il salvataggio dei bambini bosniaci-erzegovini. Fu importante che il dott. Šilović, su sollecitazione di padre Didak Buntić, molto probabilmente nell’estate del 1917, estendesse l’attività della suddetta organizzazione dalla zona dell’Istria e della Dalmazia alla Bosnia ed Erzegovina. Questo aprì le porte a un’operazione di salvataggio per trasferire i bambini dalla Bosnia-Erzegovina alla Slavonia e in altre aree.

Dopo aver compreso la situazione e col consenso di Zagabria ad aiutare, si accelera la preparazione e l’organizzazione dell’accoglienza dei bambini in Slavonia . P. Didak scrive ai parroci e li prega di accogliere i bambini nelle famiglie delle loro parrocchie. La risposta è stata immediata ed estremamente positiva. La fertile Slavonia ha aperto il suo ampio cuore all’Erzegovina povera e affamata. I bambini hanno viaggiato con treni speciali da Mostar a Bosanski Brod, dopodiché i padroni di casa in Slavonia e da altre parti li hanno accolti e hanno continuato ad accoglierli nei loro luoghi e nelle famiglie che li hanno ricevuti. Il primo trasporto di bambini dell’Erzegovina avvenne il 10 settembre 1917 dalla stazione di Mostar.

Questo è stato seguito da altri. L’ultimo trasporto organizzato di bambini sembra essere stato il 9 maggio 1918. La Slavonia ha accolto maternamente, generosamente e cordialmente i bambini della Bosnia ed Erzegovina, della cui cosa ci sono numerose le testimonianze.

Il dottor Fra Dominik Mandić, uno dei compagni del secondo gruppo di bambini in viaggio verso la Slavonia ha testimoniato quanto siano state dolorose le separazioni di bambini e genitori alla stazione ferroviaria di Mostar. “Quegli abbracci, i singhiozzi dei genitori, i pianti avvertimenti ai bambini e le commoventi raccomandazioni agli accompagnatori, sono stati incisi profondamente nel cuore di tutti i presenti. ‘Vai con Dio, tesoro!’ Sii buono! ‘Ascolta il padrone di casa meglio di tua madre!’ Dio sa se ci rivedremo mai!” Gridarono i genitori all’addio ai loro figli. E il treno partì… Avrebbero dovuto separarsi, ma l’occhio preoccupato della madre non riuscì a staccarsi dal suo bambino. E mentre il treno si muoveva lentamente per la stazione, anche le mamme gli correvano accanto, per rivedere il loro dolce bambino, per gridargli ancora una volta con voce smorzata: “Vai con Dio, figliolo!”, E per accompagnarlo: “Nelle mani di Dio e e nelle tue mani”. !!

Partenza di bambini affamati in Croazia

Non ci sono opinioni unanimi sul numero di bambini che sono stati sfamati in Slavonia e in altre regioni del Trans-Kosovo dal 1917 al 1919. Qui riportiamo i dati ufficiali, pubblicati dal Comitato provinciale centrale di Zagabria: “dalla Bosnia ed Erzegovina 12.270”.

fra-didak-buntic-bambini affamati
Bambini erzegovinesi affamati

È certo, però, che i genitori portassero i figli in Slavonia attraverso altri canali, cioè privati, che non sono stati registrati. Non dimentichiamo, però, che non solo i bambini che sono andati in Slavonia per il cibo sono stati salvati, ma anche i bambini, cioè le persone che sono rimaste in Erzegovina, sono stati salvati inviando grano dalla Slavonia .

P. Didak Buntić era un uomo dal cuore grande per ogni uomo. Naturalmente, in primo luogo, la sua gente e i figli di quella gente erano i primi, perché quella gente era il loro prossimo a causa della minaccia e aveva bisogno del maggior aiuto. Non solo i bambini di nazionalità croata e di fede cattolica sono andati in Slavonia per il cibo, né i bambini sono stati ricevuti solo da croati e cattolici, ma sono stati salvati bambini di altre nazionalità e religioni e i loro capifamiglia erano di varie nazionalità e religioni. Tuttavia, è proprio l’esempio della sua preoccupazione di salvare dalla fame i bambini di altre nazionalità e religioni che meglio mostra il suo vero amore cristiano per ogni essere umano.

Quanto amore avesse don Didak per ogni bambino, e soprattutto per quelli di altre nazionalità, è testimoniato dalle seguenti informazioni che nella lista di Sarajevski, nella descrizione del terzo gruppo di bambini in cammino verso la Slpvenia, riporta il dott. Eugen Sladović: “Quei due bambini di religione serbo-ortodossa sono stati portati dalla madre alla stazione di Mostar e lei mi pregava e supplicava di prenderli. Guardando questi due orfani, ammutoliti dalla fame, come posso rifiutare le sue suppliche. Dio mi è testimone che questi due deboli esseri mi preoccupavano più di tutti gli altri bambini”.

Nel suo lavoro, padre Didak Buntić non ha prestato attenzione alla religione e alla nazione, ma ha lavorato per tutti i poveri e gli affamati. Pur salvando i bambini dalla fame, riuscì persino a costruire a Vinkovci un dormitorio specialmente per i bambini musulmani, che ospitava un gran numero di bambini poveri musulmani, in modo che potessero, sebbene lontani dalla loro casa, vivere avendo riguardo al cibo secondo le loro credenze religiose.

Non è del tutto chiaro quanti bambini siano tornati in Erzegovina e quanti siano rimasti per sempre in Slavonia .

Secondo fonti del Comitato provinciale centrale, 9.451 sono tornati alle loro case e 2.819 bambini sono rimasti con i benefattori. Alla fine ha vinto la vita. Hanno vinto gli amanti della vita, guidati da padre Didak Buntić.

Pertanto, possiamo giustamente dire: ecco il più grande episodio della storia dell’Erzegovina! Ecco contenuti meravigliosi per le generazioni future! Ecco un personaggio da emulare! Ecco modelli ed esempi di come la parola evangelica si traduce in fatti e di come si vive concretamente l’amore di Dio e dell’uomo!

Si guarda al futuro

Didak, quell’uomo coraggioso e laborioso, è passato per questo angolo della Terra, predicando, facendo e diffondendo il Bene. In questo cammino, nel costante lavoro e crescendo in una personalità sempre più forte e nobile, aiutò gli altri – specialmente il suo povero popolo erzegovino – a vedere in se stessi e negli altri persone degne di rispetto.

Con un’attività senza precedenti, ispirata da una radicata spiritualità, contribuì a far sì che in Erzegovina un lungo periodo invernale fosse sostituito, almeno per un po’, dalla primavera. Convincere le persone che qui, nel paese dell’Erzegovina, come altre regioni avanzate, ci sono germi di progresso e crescita, dalla terra asciutta dell’Erzegovina, come in primavera, ha iniziato a risvegliare e germogliare fiducia in se stessi, alfabetizzazione, conoscenza, orgoglio, giustizia… L’Erzegovina è, almeno per breve tempo e almeno in misura maggiore era diventata ciò che padre Didak aveva già visto in essa: un angolo della Terra dove si poteva vivere con dignità, come essere umano. Ha dedicato se stesso e tutte le sue capacità interamente per il bene dell’altro, per il bene della gente. Dedicò così tanto della sua vita al bene delle persone che si identificò pienamente con loro, cosa che, ovviamente, la gente sentiva molto bene.

Con la sua morte passò da questa vita a una felice eternità e fu non solo un buon monaco o un maestro molto amato dai suoi discepoli o l’anziano più meritevole della sua Provincia, ma anche un uomo che fu padre, leader e maestro di un’intera nazione nei momenti più difficili. Meritava di essere chiamato il “Padre della Patria”, ma nel vero senso della parola, in modo molto diverso da come quel titolo veniva assegnato ad altri.

Didak Buntić ha coronato il lavoro della sua vita con l’azione di salvare la gente dell’Erzegovina dalla fame. Sebbene fosse vissuto altri tre anni dopo la guerra e agisse con grande devozione per il bene del popolo e delle sue province, e come provinciale e deputato del popolo, nulla poteva raggiungere la grandezza di questo atto salvifico in quella estrema angoscia. Ha anche guadagnato il titolo di ‘salvatore dei poveri’.

Ante Pandžić, uno delle migliaia di bambini salvati dalla fame da padre Didak, ha testimoniato cosa significasse questa azione per il popolo dell’Erzegovina: “Sono vivo e questo è il mio elogio P. Didak Buntic”, e ha aggiunto, “non solo io, ma anche i miei cinque figli e ventisette nipoti”. Migliaia, molte migliaia di Erzegovini sono sopravvissuti e ci sono così tanti monumenti viventi a quel grande uomo che era e rimane l’incarnazione dell’Erzegovina, della sua forza e della sua sofferenza.

Testimonianza di Nikola Marijanović da Stolac

Negli ultimi giorni prima del viaggio, non mangiavamo più la capra puzzolente, perché facevamo la guardia al bestiame, anch’esso morente a causa della siccità. Le madri tolsero, prima, la scorza verde dalle cortecce, e poi raschiarono quella bianca nelle ciotole. Sembrava farina bianca. Poi l’hanno asciugata un po’, poi l’hanno bollita nell’acqua. Era amara, ma l’abbiamo mangiata. All’inizio non sentivi nulla, ma in poche ore sono iniziati i crampi allo stomaco. I bambini urlavano di dolore. Era come se la mano di qualcuno ti stesse stringendo lo stomaco per il dolore. La paura per quel cibo era così grande che, mi sembra, non abbiamo mai avuto paura dell’ignoto. Ci è stato detto che ovunque andassimo c’era molto cibo, e persino carne, che non assaggiavamo nemmeno da mesi. Da noi sporgevano ossa appuntite e tutte le costole risaltavano nettamente sul corpo. Le avresti potute facilmente contare. La fame era accompagnata da una sete insopportabile e spesso l’abbiamo solo sentita. Stavamo svenendo e ci muovevamo un po’ lentamente.

Per prima cosa, i preti hanno fatto delle liste nel villaggio, che noi bambini non abbiamo capito bene. Quella mattina le nostre mamme ci hanno gridato di ascoltare chi ci guidava nel cammino e le nuove persone che ci avrebbero accolti. Per essere buoni e per tornare di nuovo. Quelle madri gridavano ai più piccoli di comportarsi bene. Ai più grandi fu stato chiesto di prendersi cura dei più giovani. Ai fratelli e alle sorelle fu detto di restare uniti e, se fossero stati separati lì in Slavonia , di cercarsi e di stare in contatto.

Sono stato assegnato a una famiglia con mia sorella maggiore. Mio cugino Božo di sei anni, a cui i suoi genitori avevano detto di “attaccarsi” a me come anziano, fu assegnato a una famiglia vicina. Ci hanno fatto il bagno quella sera e ci hanno dato del cibo. Dissero che sapevano che avevamo fame, ma non dovevamo mangiare subito, perché glielo avevano detto i nostri sacerdoti. Si chiedevano quanto fossimo magri, le ossa erano quasi doloranti e le costole potevano essere facilmente contate. Ci hanno chiesto di tutto tranne quanto avessimo mangiato a casa. Ci hanno anche chiesto cosa ci piacesse mangiare, il che è stato strano per noi perché abbiamo mangiato tutto ciò che potevamo ottenere. In Erzegovina nessuno ci aveva mai chiesto cosa ci piacesse mangiare.

Al mattino venne un uomo del villaggio e chiese chi fosse Nikola. Ho detto che ero io, non c’era nessun altro con quel nome tra noi. Mi disse che quella notte il piccolo Božo era morto e che per tutta la notte aveva chiamato qualcuno Nikola. Non sapevano chi fosse. Mi sembra, ma non ne sono sicuro, che abbiano chiamato anche un dottore. Hanno parlato di qualcosa come un groviglio intestinale. Seppi in seguito che il suo genitore adottivo, un buon contadino di Slavonia , non aveva avuto il coraggio di interromperlo. Per il resto Bozo era sano ma affamato. Si precipitò a mangiare, mangiò troppo e si ammalò. Aveva molto male e mi stava solo chiamando. È quello che gli aveva detto sua madre quando siamo partiti. Probabilmente pensava che potessi aiutarlo. Ed eravamo tutti così indifesi e infelici… Ero abbastanza piccolo da capire la morte, ma ricordo quanto fosse molto, molto difficile per me in quel momento. Era come se stessi crescendo in un istante. Mi sono fatto da parte e ho pianto. Ho pianto per la prima volta da quando siamo partiti. Dopo è stato molto più facile per me. La buona gente della Slavonia simpatizzava con me e mi consolava.

(secondo il testo di don Marinko Šakota)

Fonte: traduzione (con l’aiuto del traduttore di Google) da Kamenjar.com

(Visitata 4 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *