Omelie

Omelia della santa Messa – Medjugorje, 25 giugno 2020 39° anniversario delle apparizioni


Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». 38Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.
Parola del Signore


Caro Provinciale, cari sacerdoti, cari pellegrini, cari fratelli e sorelle in Cristo, le crisi profonde che colpiscono le famiglie, intere nazioni, e tutta l’umanità, come in questa pandemia da corona virus, sono percepite come qualcosa di negativo che interrompe forzatamente il normale corso della nostra vita. Ci impoverisce materialmente e spiritualmente e ci lascia imprevedibili conseguenze per il futuro. 
Quante volte in settimane di rigoroso isolamento e movimenti limitati abbiamo sentito l’affermazione “dopo questo nulla sarà più uguale”. Alcuni volevano essere ancora più convincenti e dicevano: “Possiamo dimenticare il mondo che conoscevamo”. In entrambe le affermazioni la crisi è intesa come un solco profondo tra passato e futuro. Eppure, nonostante la consapevolezza di tutto ciò che riguarda la gravità della crisi, non tutti i sostenitori di queste affermazione ci danno lo stesso significato. Mentre alcuni si lamentano apertamente per le forme di raduni di massa, compagnie allegre, feste e talvolta sfrenate, altri desiderano un cambiamento in meglio di tutto ciò che non era buono nella vita e nel comportamento delle persone. Questi ultimi sperano che la crisi possa significare un ripensamento morale profondo e nuove decisioni in vista del futuro. 
L’attuale ambasciatore croato in Iran e poeta alla domanda dei giornalisti quale sia l’impatto globale di questa pandemia offre una risposta interessante. Egli dice: “Risponderò molto personalmente. Tutto ciò che sognavamo, ciò che noi come genere umano sostenevamo, si è capovolto. Il vecchio mondo è morto dall’oggi al domani. Il caldo si è trasformato in freddo. Ci siamo vestiti da astronauti. L’avidità ha divorato i nostri cuori. La nostra ossessiione per una crescita senza ritegno è diventata una fioritura cancerogena che distrugge l’ordine conosciuto. Davanti a noi c’è una terra terrorizzata e un’umanità esasperata che brama la pace e un sano rallentamento”. Per non pensare che tutto ciò sia avvenuto per caso o per qualche causa sconosciuta il poeta continua in tono profetico facendo appello alla coscienza di ogni uomo. “il virus è il neonato dell’oscurità. Un simbolo della nostra insaziabile ambizione di dominare la natura. Dobbiamo ritornare a noi stessi, al nostro essere primordiale, all’armonia con l’ambiente da cui proveniamo. La transumanità guidata dal progresso tecnologico è l’inizio della fine della nostra umanità. Svegliati oh mondo e renditi conto che sei su un percorso di distruzione diretto verso l’abisso”.
Grazie a Dio, cari fratelli e sorelle, con il passare del tempo la forza del virus è iniziata a diminuire e così sono diminuite le severe misure di autoprotezione. Durante la crisi più acuta molti hanno chiesto: “Come sarà la nuova normalità?” Deve essere chiaramente affermato che tale domanda ci porta fuori strada, perchè suggerisce che tutto era normale fino alla crisi e che è possibile prevedere qualche nuova normalità dopo la crisi. Osservando il comportamento di molte persone nelle ultime settimane sembra che la cosa più importante per loro sia rivivere al più presto le precedenti forme di comportamento che dovrebbe essere, probabilmente, la nuova normalità per loro. E il virus sembra essere desideroso di tornare di nuovo. Quindi non abbiamo imparato nulla dalla crisi che si è attenuata. Non ci siamo resi conto che questa pandemia potrebbe davvero essere l’inizio della fine della nostra umanità, perchè il mondo è su un percorso che và verso l’abisso, come avverte il poeta. 
Per capire che davvero non capiamo niente è sufficiente ascoltare quale nuova normalità i candidati delle recenti elezioni ci offrono. Al centro dei loro discorsi non c’è Dio e l’uomo creato a Sua Immagine e la vita umana dal concepimento alla morte naturale, ma loro stessi, con i propri interessi e il mondo che piace a loro. Un tale stato spirituale del mondo di oggi, in cui molti non vedono ancora nulla di allarmante, da diritto ad un attuale pensatore e scrittore francese e convertito, di riconoscere un evento apocalittico in questa pandemia che ha attanagliato il mondo intero. Ecco perchè il suo ultimo libro si intitola “Quando tutto deve andare a pezzi”. E un sottotitolo ancora più chiaro: “Riflessioni sulla fine della cultura e della modernità”. Il pensiero di base del libro è lo stesso di quello di tutta la Bibbia.. L’uomo pianifica i tempi e gli eventi futuri, ma il vero futuro del mondo viene sempre da Dio. 
Fratelli e sorelle, l’intera Bibbia, compresi i testi che abbiamo appena ascoltato, testimonia l’eternità di Dio nella transitorietà di questo mondo. Sebbene gli eventi di cui parlano il profeta Isaia e l’evangelista Luca siano distanti più di 7 secoli, hanno lo stesso contenuto e lo stesso messaggio. E’ la promessa di Dio per il Suo popolo eletto che si adempie nell’annuncio dell’angelo Gabriele a Maria. Soffermiamoci un attimo su questi testi. Solo due capitoli prima il profeta isaia descrive la difficile situazione del suo popolo minacciato dalla potente Assiria. Il re Acaz cerca un’alleanza con i re pagani di Siria e Samaria, mentre il profeta lo avverte di fare affidamento a Jahwè, il Dio dell’alleanza, e Gli chiede un segno che non lo avrebbe abbandonato. Acaz si è rifiutato con la scusa, non convincente, di non voler tentare il Signore. Dio Stesso gli da un segno attraverso il profeta dando la famosa promessa: “Ecco: una Vergine concepirà e partorirà un Figlio e Lo chiamerà Emmanuele, Dio con noi”.Invece di un futuro incerto dovuto all’alleanza con i re pagani, Dio promette al Suo popolo un futuro sicuro sotto forma della Sua Presenza. Per il profeta questa promessa rappresenta la luce nelle tenebre del mondo che genera gioia, assumendo un contenuto molto più concreto. Non è più solo un bambino nato da una vergine, ma Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace. Per 7 secoli interi questa promessa ha vissuto nel popolo eletto, dirigendo in modo invisibile, ma potente, lo sguardo dei fedeli verso il futuro e verso l’incontro dell’angelo Gabriele con Maria, che ha Le ha trasmesso le parole della sublime promessa: “Non temere Maria, perchè hai trovato grazia presso Dio. Ecco: concepirai un Figlio, Lo darai alla luce e Lo chiamerai Gesù. Sarà grande e csarà chiamato ‘Figlio dell’Altissimo’. Il Signore Dio Gli darà il trono di Davide Suo padre”.
39 anni fa, sulla nostra collina chiamata Podbrdo, è apparsa inaspettatamente la Donna dall’eternità che ha invitato l’umanità ad aprirsi al futuro che Dio offre attraverso di Lei. Il giornalista tedesco Alfons Sarah, autore di due preziosi libri su Medjugorje, chiama la Madonna “Donna del futuro” e dice: “Dopo la terza nostra visita a Medjugorje ci è diventato chiaro: uno splendente Personaggio che attira milioni di persone e che i veggenti chiamano ‘Madonna’ viene dal futuro. Mentre l’esplorazione del futuro da parte dell’uomo è sempre meno discussa, perchè nel frattempo le persone hanno sperimentato i ilimiti di questa possibilità, dal futuro finale viene la Donna sotto la croce e apre gli orizzonti del futuro di Dio. E’ stata una cognizione eccitante per me”, conclude Sarah. 
Cari fratelli e sorelle, Maria è la Donna del futuro, perchè è l’unica Persona che con la Sua Vita e la Sua Assunzione in cielo ha realizzato la pienezza della salvezza, verso la quale noi credenti stiamo camminando nella fede e nella speranza. Poichè il Figlio dalla croce L’ha lasciata a tutti noi come Madre e Avvocata il nostro destino è essenzialmente legato a Lei e al Suo ruolo nel piano di salvezza. E’ la base teologica e lo sfondo nelle Sue apparizioni così frequenti, specialmente in tempi storici così difficili. Quando il mondo si impiglia nelle sue contraddizioni e la Chiesa non ha una visione chiara del futuro Dio manda la Donna dall’eternità per incoraggiarci e mostrarci la giusta via per la salvezza. Proprio come l’angelo Le ha rivolto una parola di incoraggiamento “non temere Maria”, così Lei incoraggia i veggenti spaventati che ha scelto come testimoni. Tramite loro invia un messaggio di pace al mondo in un momento in cui è chiaro che essa non può essere garantita dai governanti e dai potenti, mentre il conflitto tra ideologie e alleanze militari minaccia l’umanità. Le conferenze sulla pace si svolgono invano e vengono sempre firmati nuovi trattati. La pace è sempre più mminacciata, perchè le persone non parlano di pace con cuore puro e intenzioni sincere. 
Ecco perchè la promessa di pace della Madonna è accompagnata alla chiamata alla conversione: un cambiamento del cuore dell’uomo attraverso il Sacramento della riconciliazione, la celebrazione dell’Eucaristia, l’adorazione del Santissimo Sacramento, la preghiera, il digiuno, la lettura della Parola di Dio. Nella palude dell’immoralità di questo mondo dal Podbrdo scorre un ruscello limpido dall’eternità. Un’oasi è stata creata nel deserto del mondo che molti hanno riconosciuto e accettato. Nel tempo Medjugorje è diventato un luogo di conversione e preghiera. E’ il confessionale del mondo che la Chiesa, dopo lungo monitoraggio ed esami, ha riconosciuto ed accettato. Un anno fa l’eminente rappresentante del Vaticano, l’arcivescovo Fisichella, da questo posto ha dichiarato pubblicamente che non esiste migliore forma di nuova evangelizzazione di ciò che sta accadendo a Medjugorje e che bisogna realizzare ciò in tutte le parti della Chiesa e del mondo. Questo è indirettamente confermato dalle parole del Papa Emerito BenedettoXVI che nel suo recente libro, quando gli è stato chiesto cosa pensasse dello stato spirituale del mondo odierno, avverte con grande serietà, dopo aver citato alcune deviazioni morali concrete, che ciò che è invisibile è più pericoloso e dice: “La società moderna è nella fase di formulazione di un credo anticristiano. L’opposizione ad un tale credo viene punita con la scomunica sociale. La paura di questo potere spirituale dell’anticristo è completamente naturale. La preghiera di tutta la Chiesa è necessaria per resistere”.
Fratelli e sorelle, devoti figli della Regina della Pace, noi siamo testimoni di questo dramma dell’umanità. L’anticristo, con l’aiuto dei suoi collaboratori, vuole davvero creare l’uomo a sua immagine. Ecco perchè vuole prima cancellare l’Immagine di Dio in lui. Vuole uccidere il gene per cui l’uomo come creatura discende dal Creatore. Vuole ridefinire la natura umana dichiarando ciò che era male fino a ieri come una cosa assolutamente buona e accettabile. E’ nvietato difendere la verità prendendo come valore la correttezza politica e la tolleranza sociale. Altrimenti si viene dichiarati antichi e dannosi per il progresso della società. 
In un tale stato spirituale del mondo da 39 anni la Donna del futuro, la Regina della Pace, mostra la via per una vera pace e per un futuro con Dio. La Madonna a Medjugorje riunisce la Chiesa in preghiera che resisterà alla forza dell’anticristo con il potere della preghiera, come ha detto Benedetto XVI. Ringraziamo sinceramente la Madonna che ci chiama “cari figli” e ci considera veramente tali. Lei vuole che siamo Suoi testimoni ed apostoli in questo piano di salvezza del mondo. Abbandonati a Lei cerchiamo di essere gioiosamente aperti al futuro che Dio sta preparando per la Chiesa e per il mondo.
Amen.

fra Ivan Dugandzic

Fonte:  (Registrazione di Flavio Deagostini)
(Trascrizione a cura di A. Bianco)

(Visitata 37 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *