Articoli e video vari,  Omelie

31° MLadifest – Omelia della Santa Messa del 4 agosto 2020 di Mons.Henryk Hoser


Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo vennero a Gesù da Gerusalemme alcuni farisei e alcuni scribi e gli dissero:«Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Poiché non si lavano le mani quando prendono cibo!».Poi riunita la folla disse: «Ascoltate e intendete!Non quello che entra nella bocca rende impuro l’uomo, ma quello che esce dalla bocca rende impuro l’uomo!».Allora i discepoli gli si accostarono per dirgli: «Sai che i farisei si sono scandalizzati nel sentire queste parole?».Ed egli rispose: «Ogni pianta che non è stata piantata dal mio Padre celeste sarà sradicata.Lasciateli! Sono ciechi e guide di ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso!».
Parola del Signore


Cari fratelli e sorelle,
cari partecipanti al Festival dei giovani,
cari pellegrini,

la 31a edizione del Festival dei giovani a Medjugorje, quest’anno ha come tema: “Venite e vedrete”.

Chi per primo pronunciò quelle parole? Era Gesù Cristo stesso! E questo avvenne immediatamente dopo il battesimo di Cristo nel fiume Giordano, ad opera di San Giovanni Battista. Gesù era accompagnato da due discepoli. Sicuramente erano ancora giovani e cercavano un percorso di vita: di chi fidarsi? Chi seguire?

Quando Giovanni Battista indicò Gesù, chiamandolo Agnello di Dio, i due discepoli si resero conto che si trattava di qualcuno molto importante. Dopo tutto, ancora oggi pronunciamo queste parole in ogni Santa messa, prima di ricevere la Santa Comunione: “Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!”

Per curiosità, lo seguirono. Quando Gesù li vide, chiese: “Cosa state cercando?” E loro dissero: “Rabbi, dove abiti?” Gesù rispose con l’invito: “Venite e vedrete”. E così siamo arrivati al tema del Festival di quest’anno. Se qualcuno ci sembra interessante e ci incuriosisce, vogliamo sapere, non solo come si chiama, ma anche da dove viene, da dove è venuto e dove vive, qual è il suo indirizzo. E se ci invitasse a casa sua, accetteremmo volentieri un tale invito. Perché la casa ci permette di conoscere meglio il suo inquilino e dice molto su di lui. Anche le celebrità sono orgogliose delle loro case e sono felici di mostrarle online!

Per conoscere meglio qualcuno, bisogna incontrarlo. Non è sufficiente contattarlo telefonicamente, via e-mail o sui social network. Il luogo di incontro è importante. Un tale punto d’incontro è proprio Medjugorje. Uno dei pellegrini mi ha detto: “Qui a Medjugorje si sente la presenza”! La presenza di chi? La presenza di Dio, la presenza di Gesù e la presenza di Maria, Nostra Madre.

Nel mondo in cui viviamo, diventa sempre più difficile incontrarsi nella realtà ed è più facile entrare in contatto nel mondo virtuale. È sempre più difficile incontrare qualcuno di cui ci possiamo fidare, qualcuno con cui possiamo aprirci e persino dire qualsiasi cosa, anche se ci fa male. Ecco perché la solitudine è diventata la malattia di questa civiltà. Quando Dio creò l’uomo, pronunciò parole permanentemente rilevanti: “Non è bene che l’uomo sia solo” (Gen 2,18). L’uomo è per natura un essere sociale. Ecco perché la solitudine tormenta l’uomo con intensità variabile, in ogni momento e periodo della sua vita.

Un momento magnifico e un grande luogo d’incontro è la Santa Messa. È il momento più importante di ogni giorno a Medjugorje. Durante la Santa Messa siamo invitati a due mense: alla mensa della parola di Dio e alla mensa dell’Eucarestia. Possiamo nutrirsi a queste mense ogni giorno. Dopotutto, l’uomo non vive solo di cibo per il corpo, ma ha bisogno (eccome se ne ha bisogno!) del cibo per l’anima, per la mente e per il cuore.

Quindi cosa ci offre la mensa della parola di Dio oggi? Questo è il brano dal libro del profeta Geremia del Vecchio Testamento. Quel grande profeta, che predicava la verità per la quale è stato perseguitato, ha vissuto una penetrante solitudine. Dio gli dice: “La tua ferita è incurabile, la tua piaga è molto grave, per la tua piaga non ci sono rimedi, non si forma nessuna cicatrice. Tutti i tuoi amanti seguaci ti hanno dimenticato, non ti cercano più! “(Ger. 30, 12-14,17). Ma Dio lo conforta dicendo:” Ma io ti guarirò e guarirò le tue ferite.”

Cari amici,

le cause della solitudine sono molto diverse e non dipendono sempre da noi. Soffrono le persone senza cura, le persone senza famiglia, spesso anche le persone malate, perché la malattia isola. Soffrono gli orfani, soffrono i bambini i cui genitori sono divorziati. Ma ci sono anche tipi di solitudine per i quali siamo colpevoli noi stessi. La chiusura verso gli altri, l’egoismo, il pensare solo a se stessi, l’avidità e molti altri difetti creano solitudine.

Molti giovani soffrono di solitudine. Perché? Perché non sanno come vivere, perché non hanno nessuno di cui fidarsi, perché sono feriti e chiusi in se stessi, perché sono anche sfruttati o ingannati, subiscono varie ingiustizie. Si sentono delusi, cadono nella tristezza e nella depressione. Gli mancano le guide affidabili e non le cercano nemmeno. Invece, il credente non dovrebbe sentirsi solo se prega con le parole della preghiera del Signore, “nostro Padre”. Avendo un tale Padre, può e deve rivolgersi a Lui in ogni cosa, aprirGli il suo cuore e rivelare i suoi pensieri più nascosti. Può parlare con la Nostra Madre e Madre di Cristo, con la nostra Consolatrice, la Regina della Pace.

E quelle conversazioni con Dio non sono altro che la preghiera. Il grande poeta polacco Adam Mickiewicz scrisse: “Signore! Cosa sono io davanti al tuo volto? Polvere e nulla; Ma quando ti avrò confessato il mio nulla, io – polvere–, converserò con il Signore” (Soul Day, Parte IV). Sì, la preghiera è proprio il “parlare” con Dio! Lui ci darà la forza, ci darà ottimismo e speranza, ci mostrerà il vero senso della vita. Lui ci manderà ad altri.

Non viviamo per noi stessi: viviamo per gli altri! Questo ci insegnano i salmi, le più belle preghiere ripetute da Gesù Cristo stesso, che l’intera Chiesa prega ogni giorno.

Il secondo cibo della mensa della Parola di Dio che ci viene offerto oggi è la verità sul cuore umano. In senso non anatomico, il cuore è il centro della personalità umana: è lì che si incontrano pensieri, intenzioni, sentimenti e coscienza umana. La purezza del cuore determina il valore di una persona. Ci prendiamo cura eccessiva della pulizia del corpo, utilizzando tanti prodotti igienici e cosmetici, e i centri commerciali ne sono pieni.

Dovremmo preoccuparci di più della purezza del cuore, che è ancora più importante. E Cristo oggi ci sta dando una lezione sulla purezza del cuore. Non rende impuro il cuore ciò che viene da fuori: non solo il cibo che è considerato impuro,ma cattive influenze esterne ai nostri sensi, a cui un cuore puro è resistente.

Gesù dice ai suoi: “Non quello che entra nella bocca rende impuro l’uomo, ma quello che esce dalla bocca lo rende impuro.”

I discepoli non capirono bene di cosa si trattasse, e Gesù lo spiega loro, come intenditore vero della natura umana: “Non capite che tutto ciò che entra nella bocca passa nel ventre e va finire alla fogna? Al contrario, ciò che esce dalla bocca, proviene dal cuore, questo rende impuro l’uomo.”

Poi continua a spiegare: “Perchè è dal cuore che vengono tutti i pensieri malvagi che portano al male: assassinii, adultèri, fornicazioni, furti, false testimonianze, maledizioni. Sono queste le cose che fanno diventare impuro l’uomo; mangiare con le mani non lavate, questo non fa diventare impuri. ”(Mt 15: 19-20).

Ci condanniamo alla solitudine quando smettiamo di pregare. Nella Bibbia troveremo molte preghiere che possono servire come un esempio. C’è una tale preghiera della giovane regina Ester, che deve compiere un atto eroico per salvare gli altri. Tuttavia, a causa di questa azione, è minacciata di morte.

Perciò si rivolge a Dio con queste parole:” Mio Signore, nostro re, tu sei l’unico! Vieni in aiuto a me che sono sola, e non ho altro soccorso se non te, perché un grande pericolo mi sovrasta. Quanto a noi, salvaci con la tua mano e vieni in mio aiuto perché sono sola e non ho altri che te, o Signore! Tu hai conoscenza di tutto. Dio che su tutti eserciti la forza, ascolta la voce dei disperati e liberaci dalla mano dei malvagi e liberami dalla mia angoscia! ”(Ester 4:17)

Ma la cosa più importante è la nostra preghiera personale: dal cuore al cuore. Se quel cuore non è puro, la spazzatura di cui parla Gesù deve essere rimossa da quel cuore. Così tanto, anche eccessivamente, ci preoccupiamo della pulizia del corpo: bagni, docce, saponi e shampoo, creme, ma loro non purificano il cuore.

Esiste un modo: è il sacramento della guarigione, chiamato sacramento della riconciliazione e della pace. È il sacramento del perdono dei peccati e del rafforzamento per vivere una vita migliore. Questo sacramento è anche l’Eucaristia, dalla seconda mensa della Santa Messa: vero cibo per l’anima e per il rafforzamento del cuore di ognuno di noi. Usiamoli spesso e non abbiamo paura. “Dovete essere forti!” Gridò San Giovanni Paolo II

Voglio che scopriate questi tesori durante il vostro soggiorno a Medjugorje. Vi saluto col cuore! In alto i nostri cuori! Amen! 

Mons.Henryk Hoser

Fonte:Parrocchia di Medjugorje

(Visitata 18 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *