Messaggi del 25

Commento di Padre Livio di Radio Maria al messaggio a Marija del 25 giugno 2022

”Cari figli, gioisco con voi e vi ringrazio per ogni sacrificio e preghiera che avete offerto per le mie intenzioni. Figlioli, non dimenticate che siete importanti nel  mio piano di salvezza dell’umanità. Ritornate a Dio ed alla preghiera affinché lo Spirito Santo operi in voi ed attraverso di voi. Figlioli, Io sono con voi anche in questi giorni in cui satana lotta per la guerra e per l’odio. La divisione è forte ed il male opera nell’uomo come mai finora. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Commento di Padre Livio di Radio Maria al messaggio a Marija del 25 giugno 2022

Il messaggio di questo anniversario ci richiama alla presenza di satana, come la Madonna ci ricorda ormai in quasi tutti i suoi messaggi.

Quello che vorrei sottolineare innanzitutto è l’aspetto personale, perché la Madonna ha detto che ognuno di noi è importante, vorrei dire che è necessario.

Poi è ovvio che ognuno di noi può dare, come il seme gettato nel campo, spighe più grosse e spighe più piccole, però quanta luce facciamo, per quante anime siamo strumenti per portare alla salvezza, dipende dalla nostra risposta.

Vorrei prima di tutto evidenziare questo coinvolgimento personale che emerge fino dall’inizio, quando la Madonna dice: “Gioisco con voi e vi ringrazio per ogni sacrificio e preghiera che avete offerto per le mie intenzioni”.

Anche in questa novena molti hanno pregato, hanno intensificato la preghiera per le intenzioni della Madonna.

La Madonna ci ringrazia, le preghiere e i sacrifici sono un dono grandissimo che noi possiamo fare alla Madonna e alla realizzazione del suo piano di salvezza dell’umanità.

E poi dobbiamo anche dire che le preghiere e sacrifici arricchiscono prima di tutto noi, come anche le opere di carità arricchiscono prima di tutto noi.

Vorrei cari amici esortarvi ad essere attivi in questo.

Non sono cose banali le piccole rinunce, i piccoli sacrifici, i fioretti, le giaculatorie, le Ave Maria, le preghiere di giorno di notte, le invocazioni: “Gesù confido in te, Maria fiducia mia, Gesù e Maria vi amo salvate anime, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte”.

Per queste preghiere e per questi sacrifici la Madonna ci ringrazia se le abbiamo offerte per le Sue intenzioni.

E poi dice: “Non dimenticate che siete importanti nel mio piano di salvezza per l’intera umanità”.

Non abbiamo bisogno di bombe atomiche, non abbiamo bisogno di missili e di cannoni, non abbiamo bisogno di potenze finanziare per salvare l’umanità. Certo i soldi possono essere utili per ricostruire, ma per quanto riguarda il problema di fondo, cioè la salvezza di questo mondo che va verso l’autodistruzione, con la sua malvagità, con la sua superbia, con la sua cattiveria, col suo sì al demonio che sta portando nell’abisso l’opera di Dio che è la Creazione, noi possiamo fermare questa deriva con le preghiere e i sacrifici e lo possono fare tutti, anche i malati oltreché quelli che sono sani, i giovani, le donne, anche i ragazzi, anche i bambini, anche gli anziani, anche i sofferenti, anche i carcerati.

Tutti noi possiamo cooperare alla salvezza dell’umanità, cerchiamo di far sì che durante la giornata non manchi mai questo dono che facciamo alla Madonna.

Tutti siamo importanti, anche i sacerdoti, anche gli intellettuali, anche i teologi, anche i Vescovi, tutti siamo importanti, con le nostre preghiere e i nostri sacrifici, i nostri atti di umiltà, i nostri atti di carità.

Queste sono le armi dell’Impero della Luce, cerchiamo di arruolarci e di essere militanti.

La Madonna, per far terminare la prima guerra mondiale, ha chiesto preghiere a sacrifici ai tre pastorelli di Fatima.

“Ritornare a Dio ed alla preghiera, affinché lo Spirito Santo operi in voi ed attraverso di voi”.

Noi dobbiamo attrezzarci ogni giorno alla santa battaglia, aprendo il cuore all’Amore di Dio, facendo sì che l’Amore di Dio ci compenetri profondamente, che l’amore di Dio si esprima, che la luce di Dio si esprima nei nostri pensieri, nei nostri sentimenti, nelle nostre parole, nelle nostre azioni.

È bello fare questa preghiera: “Signore, che il tuo amore, la tua luce mi compenetrino, in modo tale che i mie pensieri siano i tuoi pensieri, le mie parole siano le tue parole, i miei sentimenti siano i tuoi sentimenti, le mie azioni siano le tue azioni”.

Questo lo si deve fare e realizzare ogni giorno, in modo tale che pian piano diventiamo immagini vive di Gesù, immagini vive di Maria.

“Figlioli, Io sono con voi anche in questi giorni in cui satana lotta per la guerra e per l’odio”.

Questo è il momento in cui satana fa incetta; quando c’è una guerra si cercano i soldati e si raccoglie anche il peggio e così è in questa guerra dello Spirito, satana cerca i suoi, cerca quelli che supportano la cattiveria, la menzogna, la violenza, la superbia, l’oppressione, la mancanza di libertà! Ci sono, come ha detto Gesù nella parabola della zizzania e del grano, i figli della Luce e i figli del maligno.

Questo è, a quanto ci richiama la Madonna, la più grande battaglia spirituale in atto in questo tempo, che è contenuta nella frase: “la divisione è forte e il male opera nell’uomo come mai finora”, c’è una espansione del male che offusca le menti con la menzogna, con gli slogan, con le ideologie, con le frasi fatte e poi inquina i cuori tirando fuori il peggio dell’uomo.

Con la menzogna nella mente e con la cattiveria del cuore, diventiamo strumenti dell’Impero delle tenebre.

Il diavolo permea sempre di più i suoi di se stesso, e la Madonna ci permea sempre di più di Se stessa.

Lei che è orientata a Dio, che è orientata a Cristo, che ama Suo Figlio, che serve Suo Figlio, che adora Suo Figlio, che lavora per Suo Figlio, che lavora per il Regno di Dio, ogni giorno ci trasforma sempre più in Se stessa, cioè la battaglia fra Donna e drago avviene attraverso l’assimilazione degli uomini, dall’una e dall’altra parte.

Non c’è una zona di parcheggio riservata ai neutrali, o di qua o di là! Non si possono servire due padroni!

Ricordiamoci che abbiamo la responsabilità di salvare noi stessi, la nostra anima e di aiutare i nostri fratelli, che sono con noi nella battaglia, a essere forti e perseveranti, ma dobbiamo anche, con la preghiera e i sacrifici, strappare al diavolo quello che lui è riuscito a mietere e a portare nel suo granaio.

Come fare? Con l’amore, con la preghiera, con la bontà, perché poi è lo Spirito Santo che lavora nei cuori.

Cioè, in questa battaglia gli obiettivi sono due:

  • il primo è la salvezza delle anime, siamo nel tempo in cui satana miete le anime, noi dobbiamo contestargli questa possibilità, contestargli questa facilità con la preghiera, con i sacrifici e con la testimonianza.
    Entriamo in battaglia, è il tempo di entrare in battaglia!
  • il secondo è il futuro dell’umanità, un futuro di pace che la Madonna realizzerà. Vorrei far un’ultima mia osservazione a questo messaggio ed è la cosa che mi ha colpito di più fin da quando l’ho letto.

Solitamente nei suoi messaggi la Madonna, dopo averci mostrato il male, ci mostra la reazione del bene e i messaggi della Madonna si concludono sempre bene.

Mi ha impressionato, perché questo non si conclude bene, si c’è: “grazie per aver risposto alla mia chiamata”, però noto che la Madonna ha terminato il messaggio parlando della situazione drammatica in cui il mondo si trova: “la divisione è forte, il male opera nell’uomo come mai finora”.

Termina il messaggio indicandoci satana sciolto dalle catene.

Ho avuto quasi l’impressione che la Madonna volesse dire che ormai siamo entrati nella battaglia: “guardate la divisione è forte ormai, guardate che il male ormai ha raggiunto il suo massimo, è il momento in cui dovete con Me fermarlo e vincerlo”.

Questa è la mia interpretazione, perché mai mi era capitato di vedere questo tipo di chiusura: “figlioli io sono con voi, anche in questi giorni quando satana lotta per la guerra e per l’odio” e poi la frase: “la divisione è forte e il male opera nell’uomo mai come finora”.

È come se la Madonna volesse dire – guardate che non potete prenderla alla leggera -, questa è la mia impressione.

Io ho colto questo aspetto, è il momento di aprire il cuore alla potenza dello Spirito Santo e armarvi dell’amore di Dio.

Io l’ho vista in questi termini, il fatto che la Madonna termini il messaggio così, l’ho visto come un ammonimento: attenzione che è giunto il momento della battaglia.

Riflettiamo e viviamo e nella Luce di Dio cerchiamo di comprendere, cerchiamo di essere fedeli, cerchiamo di essere all’altezza della situazione.

“ Trascrizione dall’originale audio ricavata dal sito: www.medjugorjeliguria.it

(Visitata 52 volte, 1 visite oggi)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.